Archivi tag: specchia

Non ci resta che … Il Diavoletto

 Non sottovalutiamo.

 4 cacciatori  sono stati rapinati da tre individui con il volto coperto da passamontagna e armati di pistola.. (continua qui)

.

Se per un motivo qualsiasi durante il ponte di Ognissanti non sei riuscito ad entrare nel Centro di documentazione Archeologica di Ceglie Messapica allora puoi sempre rifarti facendo un salto qui. Qua sotto il rilievo grafico della Specchia di Talene datato 1952. Fra un po’ posterò altra documentazione.

Errata corrige: Democrazia.

Trovo interessante quest’analisi di Sandro Moiso pubblicata su Carmillaonline.

Monti è definitivamente cotto, bollito o fritto che sia. Letta è agli sgoccioli e Napolitano pure, mentre si abbarbica ad un formalismo autoritario con la disperazione di un cercatore di funghi scivolato lungo un pendio che lo porterà a volare in un dirupo. Mentre le lotte intestine al PdL porteranno ben presto allo sfascio quella che è sembrata, ma soltanto sembrata, essere l’unica forza politica di governo degli ultimi venti anni.
Allo stesso tempo, però, anche il sogno di una nuova, grande DC, che dalle ceneri del PdL avrebbe dovuto rinascere come l’Araba Fenice, è già morto. Continua a leggere Non ci resta che … Il Diavoletto

Pere … tone

 

La Rete come unica forma di democrazia residua.
Giornali, TV, radio, sezioni (inesistenti) di partito, sedi di Sindacati diventate uffici di commercialisti per le denunce dei redditi . In questi luoghi non sentirete certo parlare di quello che ci aspetta nei prossimi anni.

SEQUESTRATE QUELL'AREA!
 

Un'antica millenaria Muraglia Messapica a difesa dell'antica Ceglie. Una delle dodici città messapiche, la più popolosa, che proteggeva militarmente tutto il Salento. Due chilometri inaccessibili di merda, ferraglia, immondizia.
Si tratta di un'area vincolata dalla Soprintendenza. Un tratto di venticinque metri dal bordo del muro dovrebbe essere INTOCCABILE ed invece… Nemmeno un cartello che segnali l'area archeologica.

Tecniche militari utilizzate per la morte di Melania.
Dobbiamo cominciare a chiederci cosa davvero sta succedendo. Ricordo la prima missione di Pace, quella del Generale Angioni. Era una missione di pace VERA. Poi c'è stata la Somalia, le donne violentate con i proiettili dei bazooka, l'IRAQ e la guerra dei ponti (di cui non ci è stato nascosto tutto) e poi l'Afghanistan. Parolisi è un militare  di professione che a quanto sembra in un delirio di onnipotenza ha deciso di sopprimire senza pietà il "nemico" che ara accanto a lui.

«Melania uccisa con tecnica militare Lui è pericoloso»