Archivi tag: Massimo Ferrarese

E’ un’ingiustizia però…

La piana dei trulli…

Secondo voi dove si trovano questi trulli? Personalmente ieri ne fotografai un bel po’…


 

Ciro FerraPer il nostro Ciro Argese non resta che la fiebile speranza di un ripescaggio. “Un «errore materiale commesso in sede di stesura definitiva» della legge elettorale regionale, rilevato da uno dei candidati non riconfermati, potrebbe portare alla modifica «postuma» delle norme. Non siamo su scherzi a parte. Il presidente del Consiglio uscente, Onofrio Introna, anche lui non rieletto, ha infatti convocato per lunedì l’ufficio di presidenza.Continua-)”

Fra poche ore sapremo infatti se alla provincia di Brindisi sarà assegnato il quinto seggio e nell’eventualità a chi sarà assegnato! A Ciro? Ai Cinquestelle? Al nostro concittadino Piero Antelmi?

Intanto il suo Patron Massimo Ferrarese“Lascerà a breve gli incarichi politici nell’Ncd il coordinatore regionale per il Salento del partito, il brindisino Massimo Ferrarese, nominato oggi dal Mef presidente del consiglio di amministrazione di Invimit, la società creata nel 2011 per vendere e valorizzare parte dei 290 miliardi di patrimonio immobiliare pubblico.”

Secondo voi c’è posto in Invimit anche per Ciro? E se anche lì andrà buca gli daranno almeno un assessorato nella Giunta Caroli?

Fuggiaschi!

Alle loro spalle Francavilla espugnata!

Non avendo più voce in capitolo nel loro Cumune ora ci riprovano con Ceglie!

Fuggitivi

COMUNICATO STAMPA:

IL FUTURO DEI CEGLIESI DEVE ESSERE SCELTO IN AUTONOMIA

Abbiamo letto il comunicato scritto sotto dettatura e prendiamo atto che Cesare Epifani tra la sua città ed essere l’ascaro dei francavillesi ha scelto definitivamente la seconda ipotesi gettando la maschera.

Avevamo ragione ad allontanarlo e a  non volerlo nelle nostre liste e siamo ben contenti che lo stesso venga raccattato da Luigi Caroli che oramai raccoglie tutti pur di salvare la poltrona.

Tutta la città conosce le offese e le accuse che Epifani ha rivolto all’attuale amministrazione, ma la dignità non è un bene di tutti.

Siamo certi che Epifani è il bruco che mangia la mela e la sua intromissione sarà foriera di litigi e ingovernabilità nelle liste caroliane che ben presto si renderanno conto del grave errore.
Per il resto aspettiamo che i cegliesi si possano godere lo spettacolo di vedere Caroli, Epifani, Vitali e Iurlaro tutti insieme sul palco, meglio di una parata di carnevale.

Noi ribadiamo che il destino e il futuro dei cegliesi deve essere scelto in autonomia e mai e poi mai consentiremo  che tre” francavillesi al bar” possano scegliere sulle spalle di Ceglie e per interessi contrari a Ceglie.

 I consiglieri comunali Giovanni Gianfreda, Giampietro Gallone, Fabrizio Gatti, Danilo D’ippolito e Antonio Piccoli

La ricerca della felicità.

 

Ormai tutto è compiuto. Luigi Caroli dovrebbe affidarsi ai politici francavillesi di grande esperienza ovvero, Pietro Iurlaro, Massimo Ferrarese e Luigi Vitali.

Ricerca

Il Male assoluto

Su “Cronache e cronachette” ne dicono di tutti i colori sul Consigliere Giovanni Gianfreda.(Clicca qui)

-Presenzia e cura gli interessi privati della cooperativa Kailia anche in situazioni formali come le sedute di gara in cui egli presenzia in nome e per conto della stessa; -Riveste il ruolo di consigliere comunale e segue con morbosa attenzione gli interessi economici della ditta privata nello svolgimento del suo mandato istituzionale; -Governa, in qualità di consulente, altri soggetti privati con cui il comune detiene rapporti commerciali; –Riesce, in spregio alla e logiche al buon senso dell’amministratore pubblico, a far assumere in una delle ditte di cui lui è consulente niente meno che un suo familiare; –Esercita pressioni (come consigliere comunale) sulla corretta amministrazione allorquando, nell’espletamento delle sue prerogative di consigliere, concentra la sua attività nella tutela delle ditte che fanno capo al suo studio privato; -Devia l’interesse collettivo, che dovrebbe essere indirizzato alla ricerca della migliore offerta, e distorce le finalità istituzionali nel momento in cui l’interesse politico di parte diventa quello di avvantaggiare aziende vicine con evidente primazia del proprio tornaconto economico personale.

Perfetto

Questo è un blog serio.

Ricordate la trama de “Il villaggio dei dannati?”

Gli abitanti di una piccola cittadina inglese perdono all’improvviso e contemporaneamente i sensi per alcune ore; chiunque cerchi di varcare i confini della città viene colpito dagli stessi effetti. Finito il fenomeno, tutti riprendono i sensi, senza apparenti conseguenze. Successivamente ci si accorge che tutte le donne del villaggio sono incinte (persino le illibate o senza la presenza di un compagno). I neonati di questa gravidanza collettiva presentano tutti le stesse caratteristiche somatiche, e crescendo manifestano capacità intellettive superiori e poteri mentali, come la capacità di leggere il pensiero e di influenzare la volontà altrui, un forte senso di gruppo (vestono in modo uguale ed evitano interazioni con altri bambini) e la tendenza a nascondere i propri sentimenti.

Ciro Argese sulla sua pagina fb dichiara enfaticamente di avere ormai tutto sotto controllo: ” Abbiamo creato 130 circoli nella nostra provincia con migliaia di iscritti… a Ceglie 623 iscritti!”.

Ormai siamo circondati. Ad ogni angolo di strada può esserci un potenziale Albaniano che ci spia e riferisce poi tutto. Non mi credete?  Questo è un blog serio, non invento numeri. Le dichiarazioni di Ciro sono perentorie. Leggi qui.

Agente Federale Messapico: A RAPPORTO!

Chi… CIROOOO !!!

Si, ma anche MASSIMOOO!!!

Come dice San Giovanni, togli il piccino e mettici il grande!

Il nostro concittadino Ciro Argese ed il suo leader Massimo Ferrarese sono stati impietosamente fatti fuori dai “POTERI FORTI”. Non potranno partecipare a queste politiche perchè  NON SONO GRADITI. La storia si ripete un po’ in tutte le formazioni, in tutte le comunità, ad ogni livello. Siamo ormai in un REGIME AUTORITARIO. Queste elezioni sono solo una farsa. E’ tutto deciso e pertanto NON VOGLIONO NESSUN OSTACOLO. La base, i territori, i singoli cittadini valgono meno di zero. Se vuoi leggere le telefonate intercettate a Ciro Argese clicca qui.

P.S. Preghiamo per l’incolumità fisica di Beppe Grillo!

Tutto quello che aveste voluto sapere sull’incontro del Sindaco di Ceglie Messapica con la città e che non avete mai osato chiedere!

Anche senza la formale investitura di Agente Federale Messapica (vedi Il diavoletto), armato della solita macchina fotografica, penna e foglio, entro nello splendido teatro comunale dove mi accoglie un piacevolissimo tepore. Due poltrone rosse con tavolino e acqua minerale accecate, bruciate dalla luce di 4 potenti fari e un telo da proiezioni sono l’essenziale scenografia streheleriana di un palcoscenico tutto nero, bello! C’è stata la solita attesa, impiegata per conversare amabilmente con l’amico Cataldo Rodio e il dott. Cesare Fiorio, poi entra sul proscenio la bella e brava Anna Saponaro (che vedo ha colpito anche Stefano Menga di “Cronachette”) e l’incontro ha inizio con il teatro colmo di gente.
Solo allora mi rendo conto che l’incontro è sostanzialmente un’intervista, con monologo senza contraddittorio. E tutto rientra nei ranghi, nell’usuale, nel consueto, nella normalità. Continua qui.

All’ARrembaggioOO!!!!

La Diretta da Brindisi

… e fra un po’ da Bari

Prima terzo nella lista per la Camera, poi diventa secondo in quella al Senato. Ed ora il nome di Massimo Ferrarese non è presente in nessuna delle due liste presentate dall’Udc e da Monti. L’ex presidente della Provincia di Brindisi rischia di non partecipare a queste elezioni politiche. A pochi giorni dalla presentazione delle liste dei candidati al Parlamento Ferrarese è fuori. Almeno per il momento, le posizione sembrano ferree da entrambe le parti. (Fonte). Tra l’altro, hanno fatto fuori anche Ciro Argese e Domenico Tanzarella.

Bella (e tanta) gente ieri sera al Movida di Ceglie Messapica. Il Movimento 5 Stelle ha presentato i suoi candidati al Parlamento. Peccato per la diretta streaming che non si è potuta trasmettere per motivi tecnici.

L’avete notato anche voi vero? Il boicottaggio di Grillo e del suo Tsunami tour da parte dell’informazione ufficiale. Oggi infatti sarà a Brindisi alle 17,00 in piazza mercato ma non ne parla nessuno!

Troppa carne a cuocere?

ORE 16,25!

FERRARESE

SI E’ DIMESSO!

segui la diretta su Twitter

L’immagine qua sotto è dedicata

a TUTTI i politici


A Beethoven e Sinatra preferisco l’ insalata 

a Vivaldi l’ uva passa che mi dà più calorie

Sembrerebbe quasi che l’elezione di un Presidente del Consiglio Comunale diventi una questione di vita o di morte per questa comunità. A me non interessa granchè se il Presidente si chiami Cataldo, Nicola senza baffi o Nicola coi baffi. Il problema vero è la progettualità della vita pubblica e da quel che vedo siamo di fronte ad un deserto partecipativo.

Oggi alle 19 si riuniranno di nuovo. Secondo me in aula non ci saranno più di dieci spettatori.

Davvero tanti argomenti da trattare.

Desidero portare a conoscenza un documento del 1760, conservato nell’Archivio di Stato di Brindisi nel Fondo Notarile di Torchiarolo [Atto Notar Pasquale VETTALDI]. Il documento è stato già pubblicato una quindicina d’anni fa.
Da esso si evince che in quell’anno il Duca di Ceglie, Annibale Sisto y Britto, iniziò una trattiva con il Principe di Leporano, Nicolò Sergio Muscettola, per vendergli il Feudo di Ceglie. Per tale ragione, l’acquirente volle sapere con esattezza quanto fosse l’estensione del territorio cegliese prima di concludere l’affare. Venne istituita una commissionead hoc, con l’obbligo di verificare il limite del feudo e misurarne con esattezza l’ampiezza; Continua a leggere qui.
Inizia così il post di Don Gianfranco Gallone  sul suo Uno sguardo su Ceglie.

Da parte mia sto integrando questo documento con mappe e foto… dovrei pubblicare il tutto, magari con l’occasione indiciamo un convegno e parliamo di Messapia, di Kailia e di origini comuni. Chissà. Intanto caro Don Gianfranco, pubblico questa foto. Località San Pietro. Tra la fitta vegetazione ho scorto un’abitazione che potrebbe essere medievale. Ho provato a raggiungere il sito, ma il bosco è davvero inaccessibile in quel tratto.

Trafiletto da “Il Fatto Quotidiano” di oggi.

Noi intanto aspettiamo il 18 ottobre.

Compl8

.

Una volta o l’altra

parleremo di questa “variabile imbizzarrita” del panorama mediatico locale. Sconclusionata, contadditoria e vittimista ma di fatto funzionale e codina rispetto alla Giunta Caroli.  Che senso ha dichiarare che non s’intende più scrivere di suicidi per poi spiattellare ai quattro venti la notizia della morte del parente di un famoso blogger locale? Per non parlare della pubblicità retorica in puro stile Littorio di quest’estate cegliese o la sponsorizzazione sfacciata del nuovo assessore della Giunta Pd (più) L. Sempre la solita storia, clicca qui, leggi qui, vedi qua, come se i lettori non avessero la capacità di pigiare i tasti seguendo le indicazioni del proprio cervello! Avete visto la notizia dell’incendio dell’auto dell’infermiera? La notizia l’ha data in anteprima Stefano che ovviamente è stato completamente ignorato. L’ultima polemica sugli anonimi poi è davvero ridicola. Tutti gli altri blogger si stanno impegnando per far uscire le positività di una comunità da sempre umiliata ed abbandonata, essere derisi da qualche avventore di edicola che ci vede tutti quasi fossimo un blog8 qualsiasi è davvero umiliante.

Fortunatamente abbiamo altri argomenti di cui parlare!

Non è competenza di un Domenico di Guzman Demitri Biondi qualsiasi però PORCA MISERIA! Intellettuali locali del cavolo dove siete? E’ anche colpa vostra se questo paese va in malora! Un patrimonio archeologico incredibile completamente dimenticato ed abbandonato. 

Don Gianfranco Gallone è stato l’unico che ha scritto qualcosa sull’antica Chiesa di San Giovanni Battista. Un tempo sede della biblioteca comunale dobvrebbe essere ancora di proprietà pubblica. Dietro è ancora visibile l’abside.

Ciro Argese, l’On. Luigi Vitali, Massimo Ferrarese e l’ENEL.

Davvero un comunicato stampa da leggere, metabolizzare e commentare. Secondo me ci sono tutte le premesse per la candidatura a Governatore della Regione Puglia di Massimo Ferrarese. Clicca qui per leggere.