Archivi tag: Ceglie

Quinto Ennio era Cegliese?

.

Che la maledizione del Venditti* non ricada sul povero Vincenzo Suma. Lui ha fatto davvero tanto per ricordare il quartetto dei Bicchierali, ha scritto addirittira un libro! Questa sera la celebrazione in piazza vecchia a Ceglie Messapica dalle ore 19,00. Per saperne di più collegati con uno che ha suonato la batteria con loro. Clicca qui.

* Si, è un messaggio in codice per pochi intimi 🙂

O forse era castiddano? Sicuramente era di Rudiae, una misteriosa città che tutti gli storici collocano nella Messapia. “Alcuni precisano la località: Monteroni (Lecce) – T. Mommsen; Ostuni – T. Tamborrino; Monte Giannecchia (Cisternino) – Q. Punzi; Monte Ulmo, San Pietro (Ceglie Messapica) – P. Magno; Masseria Guardiola (Francavilla Fontana) – F. Ribezzo; Pezza Petrosa (Villa Castelli) – C. Cafforio”. Continua a leggere cliccando qui, è interessante.

Se volete visitare Pezza Petrosa…  il museo Archeologico di ://Pezza Petrosa – Museo e Parco archeologico di Villa Ca… è aperto tutti i sabati dalle 17.00 alle 20.00, le domeniche dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 20.00. x le visite al sito di Pezza Petrosa, disponibili su prenotazione tel. 3398425061.

Feste di piazza

Due spari nella notte

e un’auto che sfreccia via!

Un’esclusiva di Cronache e cronachette!

clicca qui

Ad Ostuni arriva la Tamaro!

Titolone di Brindisireport

Stop al panico, potete rifugiarvi a Ceglie.

Caro Nichi, ormai ti conoscono tutti…

Clicca su Dagospia per leggere l’articolo di Giancarlo Perna (che non è un fesso!)

restano sparsi disordinatamente

i vuoti a perdere mentali

abbandonati dalla gente.

(Edoardo Bennato)

In piazza a Ceglie Messapica oltre ai vuoti a perdere mentali abbandonano anche i vuoti delle lattine e delle bottiglie. Le scalinate a fine nottata sono stracolme di immondizia. Ovviamente, la colpa è di chi li abbandona … però: i titolari delle attività commerciali dovrebbero dare buon esempio pulendo nelle aree pubbliche da loro utilizzate, mentre ‘Amministrazione dovrebbe aumentare i cestini di raccolta che sono davvero pochi.  

Totòassessori.

Ed ecco rispuntare puntuale come una cambiale, ripetitivo come la banda di Grottaglie ogniqualvolta c’è da nominare un Assessore il nome dell’Avv. Riccardo Manfredi. Considerato che si è dimesso l’Assessore al Bilancio non sarebbe logico nominare un esperto contabile?

Sempre più indignato!

  La base logistica
dei briganti cegliesi era presso la masseria Bocca di Coppa. Si arriva percorrendo la via per Fedele Grande e svoltando a sinistra per la vicinale Cavaliere.

  

A quei tempi un luogo davvero inaccessibile. Ho letto i resoconti dei processi pubblicati nel libro di Michele Ciracì e Nicola Santoro: “Dal 1799 al brigantaggio post-unitario” ed ho ripercorso mentalmente quei luoghi che sono rimasti quasi gli stessi. Ed anche i nomi e i cognomi sembrano ripetersi in una storia senza tempo.

Assaltata la masseria Circiello, violentata da un’orda di briganti la moglie del massaro della masseria Sant’Anna. Sequestrato alla masseria Ferruzzo il nipote di un possidente liberato dai briganti a Bocca di Coppa dopo che è stato pagato il riscatto. Ed inoltre: la storia di un brigante senza nome ammazzato ed esposto pubblicamente per essere riconosciuto, la presa di Grottaglie. Il rifornimento con pane e ricotta in contrada Monte Vecchio.
Davvero tante storie che s’intrecciano e si rincorrono e che comunque meriterebbero di essere inserite all’interno di una narrazzione che purtroppo manca.


Un giovane imprenditore salendo un grafico positivo. Tutto su sfondo bianco. Archivio Fotografico - 6578465+ 6,9% per il Diavoletto
rispetto allo stesso periodo dell’agosto scorso.
Un risultato eccezionale considerato che l’anno scorso c’erano state le elezioni comunali.

Un successo imprevedibile anche per le Cronache e Cronachette di Stefano Menga.

Oramai la comunicazione blocal è diventata la principale fonte d’informazione di questo territorio.


Se aspettavamo Fiorio…

Con i dodici chilometri da Locorotondo a Ceglie Messapica ma soprattutto con i mille in cantiere tra Chieuti e Santa Maria di Leuca, l’idea di piazzare qualche bicigrill è venuta all’assessore regionale alla Mobilità, Guglielmo Minervini. “Stiamo predisponendo un bando che sarà pubblicato a settembre per il recupero delle stazioni ferroviarie dismesse – afferma – e quella potrebbe essere l’occasione per una prima selezione di immobili che dovranno avere anche questa funzione”. Leggi tutto.

Intanto, vi consiglio di passare domani da Ceglie Messapica per vivere in maniera particolare l’incantevole borgo medievale infatti, si terrà nelle sue stradine una gara di mountain bike molto particolare.


Bossi intanto non esce più di casa. L’altroieri ha dovuto annullare il comizio a Calalzo: non tanto perché la metà del pubblico non ci avrebbe capito niente, quanto perché l’altra metà avrebbe capito tutto. Insomma, rischiavano di materializzarsi i famosi “trecentomila padani pronti alle armi”, ma per sforacchiargli i pantaloni. Ieri poi è apparso in Cadore per alcuni secondi: l’hanno osteso brevemente come la Sindone, in canotta di ordinanza, poi l’hanno prontamente ritirato, prima che ridesse del nano a Brunetta e rimostrasse il manico alla “Boniver bonazza”, che ora siede al governo insieme con lui. Subito sul luogo del disastro sono accorsi alcuni pensionati della bocciofila, tra i quali Calderoli in salopette tirolese e Tremonti in maniche di camicia, che ieri compiva gli anni: 64 prima della chiusura dei mercati, 84 dopo. (Marco Travaglio su Il Fatto Quotidiano).