VITTORIA!

Se fosse per il cegliese medio potrebbero benissimo sradicare tutti gli ulivi dell’agro, non gliene importerebbe un fico secco, guai però a togliergli le macchinette o il gratta e vinci, ci sarebbe la rivoluzione! Fortunatamente il territorio ora è saldamente in mano a persone che non sono nate qui ma che sono innamorate ed hanno investito in questa terra meravigliosa e la difendono a spada tratta. Se per ora non stermineranno gli ulivi nell’agro di Ceglie Messapica dobbiamo dire grazie a queste persone meravigliose!

Qua sotto riporto la notizia data dal quotidianodipuglia.it

«La Regione prima di estirpare le piante di ulivo sane nella zona cuscinetto, deve verificare se le stesse presentino il carattere di monumentalità», ciò ai sensi della stessa normativa regionale. E’ quanto ha stabilito con ordinanza la seconda sezione del Tar Puglia – Bari che ha accolto la richiesta cautelare avanzata in un ricorso presentato dal proprietario di un fondo nel Comune di Ceglie Messapica (Brindisi) contro un provvedimento dell’osservatorio fitosanitario della Regione Puglia, che ha individuato una pianta di ulivo infetta dal batterio della Xylella fastidiosa nella tenuta di un privato e ha ordinato l’estirpazione della pianta infetta e di tutte le piante di ulivo nel raggio di 100 metri dalla stessa, che si trova nella cosiddetta zona cuscinetto. Si trattava all’incirca di una cinquantina di piante in totale, che non saranno abbattute per via della sospensiva concessa. Il Tribunale barese, accogliendo le tesi difensive proposte dagli avvocati Michele Macrì e Gianluca Gariboldi, ha quindi sospeso l’ordinanza di eradicazione. 


L'immagine può contenere: 8 persone, meme e sMS

Chissà se la politichetta locale egregiamente descritta da questa vignetta pubblicata su fb da Daniele Gioia sarà presente al convegno che si terrà questo venerdì alle 17,30 presso il castello ducale per la tutela e salvaguardia dei nostri ulivi.

Tema della conferenza. Continua a leggere VITTORIA!