Il paese all’incontrario

Ceglie all'incontrario

E’ del tutto evidente che una specie di incantesimo (per non dire di maledizione) aleggia su questa incantevole cittadina che non smetterò mai di amare nonostante tutto.

Qualcuno di voi può indicarmi qualche altro luogo al mondo nel quale un candidato Sindaco sconfitto dal voto popolare si allea col suo antagonista e si permette addirittura di far verificare l’operato e la composizione della Giunta nonchè di istituire una fantasmagorica figura manageriale che gestisca l’amministrazione? A Ceglie Messapica è possibile. Qua sotto la dichiarazione del Consigliere Angelo Perrino rilasciata ad Adele Galetta

«Sarà il sindaco a decidere se e chi cambiare, chiamandosi gli assessori uno per uno e verificando se è intatta la voglia di lavorare e impegnarsi per la città. Chi è stanco o ha perso le motivazioni può fermarsi un giro o chiedere al sindaco di cambiare settore. Abbiamo ottime riserve pronte a subentrare. Ma chi resta deve produrre risultati certi che andranno rendicontati e controllati. Noi di Dc non abbiamo veti, nè avanzato candidature. Vogliamo solo che sia incrementata l’efficienza dell’attività amministrativa attraverso una maggiore collegialità e un maggior coinvolgimento del Consiglio. A tal proposito, abbiamo chiesto l’istituzione di un Consiglio di maggioranza e l’introduzione di una figura manageriale di coordinamento e efficientamento al vertice della piramide amministrativa dove esiste un sorta di buco nero organizzativo».

6 pensieri riguardo “Il paese all’incontrario”

  1. Nel dibattito politico amministrativo cegliese, intervengono spesso 4/5 soggetti affetti da rancore e rabbia atavica. Il tutto condito da un certo rincoglionimento dovuto all’età. Fortunatamente per la nostra città ci ha pensato madre natura a renderli sterili.

    Mi piace

    1. io sarò pure rincoglionito ma per gli imbecilli caro mio non c’è cura. poi spiegami dov’è tutta sta fortuna della cittadina di cui di certo ti senti promotore e partecipe,quando gli ultimi anni(salvo alcune cose buone) hai avuto tutta la giustizia amministrativa sulle spalle,già condannati dall’anticorruzione e tu, da vero rincoglionito, parli di fortuna? e giusto per una lezione di civismo visto che si paga le tasse e vi sopportiamo anche:i cittadini,anche quelli di cui non capisci quando scrivono e le cose che scrivono,non sono sterili quando discutono o tentano di farlo e devono essere anche fortunati perchè se trovano uno come te meglio mandarlo a fanculo subito,lasciando da parte le egole di buona educazione.
      angelo ciciriello

      Mi piace

  2. a proposito dell’azzeramento.
    Dicono i 3 moschettieri democratici(una volta all’opposizione ora dentro la maggioranza e già non ci siamo) che il sindaco ha operato benissimo in tutti questi anni ma ora ci vorrebbe uno scarto d’anca per risultati migliori.Bene.Se i 3 giudicano ottima l’amministrazione appena azzerata(quando erano all’opposizione non erano dello stesso parere,quindi si desume che positivo è solo il periodo del loro appoggio) con un carico di problemi sulle spalle di non poco conto,che loro sanno ma che fingono di non sapere,dall’anticorruzione che già li ha stangati una prima volta,poi i rilievi della corte dei conti che avranno di certo ripercussioni non solo amministrative, per consecutio logica e temporum,vuol dire forse che con il loro contributo sarà sollecitata ancora di più l’anac e la corte dei conti ad attivarsi contro questa amministrazione per evitare maggiori disastri? oppure vogliono superare quella fase negativa di sfascio apportando il loro contributo e quindi si contraddicono con la premessa-che ha operato bene- a base del loro necessarissimo contributo per il bene della città?Delle due l’una:se devono continuare l’opera di disastro di caroli,da loro giudicata positiva,il loro contributo non serve,abbiamo già tanti cazzi per la testa e tanti guai di fronte alla giustizia; se vogliono entrare in giunta perchè ritengono che caroli ha male amministrato sono dei bugiardi verso se stessi e i cittadini che non lo dicono in faccia e la città non ha bisogno di altri ipocriti in cerca solo di posti al sole:la città ha bisogno di risparmiare nelle risorse e nell’apporto di persone che non aggiungrebbero nulla all’attuale disastro organizzativo.Ordunque: perchè azzerare la giunta se queste sono le premesse? semplice: se i tre sono numeri necessari per proseguire a governare devi dar giustamente degli assessorati,punto.Non si tratta di contributi ad un nuovo corso di governo ma un semplice balletto delle poltrone e chi paga di questo disastro? la città,i soliti fessi che ancora credono a questi politici e alla politica del do ut des,per il semplice piacere di spartirsi il potere con le conseguenze del caso.
    Intanto in calabria retata di sindaci, convinti anche lì, di apportare benefit alla popolazione.
    angelociciriello

    Mi piace

    1. Peccato che ai Vs tempi l’anac aveva altri impegni…….Ceglie ha un altro volto che ché se ne voglia dire…..voi sempre i soliti disfattisti e denigratori indiscriminati. Sono 10 anni che cercate di riconquistare le poltrone perse ma dovete ancora attendere un po…..finché l’invidia divorera’ anche i Vs sogni di gloria….

      Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...