PUG… ttanate parte II

Il 21 dicembre è passato ormai da un bel po’. In quella data hanno fatto la scenegg… ooopsss hanno presentato (e approvato) il PUG. Se andate a fare un salto sul sito del Comune scoprirete però che le tavole sono ancora quelle del 19/11/2016 e che non sono stati ancora pubblicati gli elaborati nè tantomeno le Norme Tecniche d’Attuazione.

City Manager, scelte cimiteriali e amenità varie. Della serie: andate a vendere frigoriferi agli esquimesi!

City Manager


COMUNICATO STAMPA DE “LA BUSSOLA”.

Il documento Politico di Democrazia Cegliese, che in buona sostanza sfiducia il Sindaco Caroli e la sua Amministrazione, in buona sostanza recepisce quello che noi da opposizione esterna al Consiglio Comunale, da molto tempo denunciamo. In buona sostanza molte cose non vanno a livello amministrativo (pulizia del Paese, illuminazione inefficiente, Paese poco sicuro ecc), ma la cosa più interessante che ammettono che ci sia molto spreco di denaro pubblico, cosa che noi puntualmente in più occasioni abbiamo denunciato. Resterebbe capire come mai si dimenticano di fare una valutazione sulle numerosissime note della Corte dei Conti, della Relazione del MEF e per ultimo la censura dell’ANAC, che voglio ricordare ha trasmesso gli atti alla Procura della Repubblica. Nello stesso documento dio democrazia Cegliese, si fa riferimento alla collegialità nelle decisioni e alla creazione di nuovi organismi che la legge prevede solo per i comuni superiori a 100.000 abitanti. Il tutto passando dall’azzeramento della Giunta Comunale che, per Democrazia Ceglie è la responsabile numero uno dello sfacelo di Ceglie Messapica. La cosa che ci meraviglia, che necessita chiarezza politica, come mai il documento non viene sottoscritto dall’intero gruppo consigliare. Sembrerà strano, ma essendosi fatto portavoce il Consigliere Perrino, anche in Consiglio Comunale del disagio e della sfiducia nei confronti della maggioranza, non vorremmo che tale posizione sia solo ed esclusivamente sua, il che significa, in buona sostanza, un ritorno dell’ex Candidato Sindaco sui suoi passi e si fa portavoce del disagio in Consiglio Comunale dei circa 2000 elettori che a suo tempo non condividevano il modo di Amministrare Ceglie da parte del Sindaco Caroli. Siccome risposte concrete al documento di Democrazia Cegliese non sono arrivate, ne dal Sindaco ne dai restanti gruppi di Maggioranza, (si tenda a minimizzare il tutto) ci Auguriamo che il Consigliere Perrino, qualora non ci fossero risposte concrete ai punti proposti per superare questa fase di difficoltà e di crisi amministrativa, annunci il suo passaggio all’opposizione alla giunta Caroli essendo così conseguenziale a quanto ribadito in Consiglio Comunale e nel Documento di Democrazia Cegliese.

Il Presidente, Angelo GASPARRO