Operazione Elmo di Ceglie.

Difficile anche per James Biond rompere fare una breccia nel muro dell’apatia e menefreghismo imperante nel paesino eppure… QUALCOSA SI MUOVE!

Una pattuglia di cittadini sensibili sta collaborando e sta dando un contributo per riuscire risolvere il mistero e recuperare un pezzo davvero importante della nostra storia… perchè

L’ELMO BRONZEO E’ UN’OPERA D’ARTE

realizzata dallo scultore leccese Raffaele Giurgola (1898 – 1970). Se volete saperne di più leggete il commento al post precedente.

Quindi verosimilmente non si è trattato di una bravata ma potrebbe essere un furto su commissione. Un componente del gruppo investigativo ha scoperto che …

Giurgiola

 

che una statuetta di 50 cm di Giurgiola è quotata sul mercato internazionale da € 450- € 650 e che quindi l’Elmo potrebbe avere un discreto valore.

James Biond e “La pattuglia dell’Elmo” proseguono ad investigare. Nel frattempo vi consiglio la lettura di queste amare considerazioni a firma dello storico Michele Ciracì. Buona lettura.

Caro Domenico,

scusami se sarò lungo, ma intento sviluppare una riflessione che affido a chi ci legge.

La notizia del furto, data da te per primo, dell’Elmo bronzeo, opera dello scultore Giurgola, che dal 1929 faceva bella mostra al Monumento ai Caduti,(il luogo più sacro della città) doveva indignare l’intera comunità, ma già oggi non se ne parla più, che popolo disattento!!

Su questi argomenti ritornerò nei prossimi giorni.

Concordo con te: l’argomento più importante a Ceglie è ridurre piazze e strade cittadine in una grande e disordinata tavolata, ad una sagra della porchetta, meglio della polpetta o dell’uovo al tegamino, come se tutti avessimo l’anello al naso!

Panem et circenses, cioè Pane e giochi del circo Sono parole di Giovenale (le Satire) che si lamenta come questo fosse, ai suoi tempi, l’unico desiderio del popolino; gli antichi romani sapevano bene come tenere calma la plebe.

Tredici secoli più tardi Lorenzo il Magnifico sosteneva che: Pane e feste tengon il popolo quieto.

Re Ferdinando II di Borbone, detto Franceschiello, avrebbe poi teorizzato che per ben governare un popolo occorrono le tre “F”: Festa, Farina e Forca.

Durante il periodo borbonico la vocazione festaiola del popolo ebbe momenti di pura esaltazione grazie alla politica perseguita dai sovrani riassunta nelle famose tre effe; ma quando serpeggiava la ribellione e il Governo si impauriva veniva avviata una dura repressione, continuando però a elargire continue feste. Continua a leggere Operazione Elmo di Ceglie.

Piovono polpette!

E’ davvero inutile sprecare parole tentando di sensibilizzare o di spostare il discorso sulla conservazione, recupero e gestione del nostro patrimonio storico culturale. L’argomento top a Ceglie Messapica è il cibo ed in particolare le polpette. C’è chi in crisi di astinenza pubblica su fb uova al tegamino condite con moscerini e magari le mangia anche….

Per quanto riguarda l’argomento non polpettaro ovvero, il furto su commissione dell’elmo bronzeo spero quantomeno che l’assessore delegato abbia fatto trasmettere al nucleo speciale dei Carabinieri la scheda descrittiva al fine di inserirla nel database delle opere d’arte trafugate. Se volete informazioni fate un salto da Michele Ciracì, lui vi darà sicuramente tutto il materiale che vi serve.

E non fate tante … preistorie!

EVA è nata qui, nella valle dell’Eden

ooooppsss, Valle d’Itria

È stata sepolta in posizione fetale, con una mano sulla pancia a proteggere il suo bimbo. La donna di Ostuni, scoperta nel 1991 in una grotta vicino Brindisi, ha quasi 28mila anni ed è stata imprecisamente chiamata la mamma più antica del mondo (un’ altra donna in Egitto la supera per età). Ma il suo scheletro, pressoché perfetto così come quello del feto, è diventato il simbolo della tenerezza materna che resta immutata nel corso della storia. Leggi tutto.

 

Caso chiuso?

Monumento ladri

James Biond non molla.

Facciamo il punto della situazione.

-L’elmo non era ancorato e non ci sono tracce di effrazione.

-Pesava sicuramente più di 60-70 kg e pertanto i malfattori saranno stati certamente almeno due.

-Hanno sicuramente utilizzato un mezzo furgonato chiuso nel quale hanno posizionato la refurtiva.

-Sebbene fossero in pieno centro, hanno agito in maniera indisturbata complice il buio assoluto che avvolgeva l’elmo e il Monumento e la mancanza di monitoraggio con videosorveglianza sebbene il cartello parla di “Ceglie sicura” (si..cura da quale malattia?)

Qui possiamo vedere dov’era posizionato l’Elmo.

Ceglie sicura Ma il gioco valeva la candela?

Cui prodest?

Il bronzo è difficilmente riciclabile. Ha scarso valore commerciale (circa € 80/q.le), inoltre come possiamo vedere facendo una ricerca su internet chi fa razzia di bronzo agisce preferibilmente nei cimiteri.

Posizionare l’Elmo abbellendo qualche villa sarà impossibile perchè stiamo rendendo pubbliche le immagini.

Conclusioni. Solo un pazzo o qualche morto di fame potrebbe  compiere una simile pazzia quindi bisognerebbe indagare i questo sottobosco.

James Biond e il mistero dell’elmo scomparso

-Si, lo giuro… era lì anche ieri poi come d’incanto stamattina non c’è più.-  R… è sconvolto, non vuole crederci, lui è da una vita che l’osserva, l’accarezza e a volte ci parla.  Con quell’elmo di bronzo ci convivevano da sempre anche i vecchietti sempre affaccendati a giocare a scopa, o al turnieddo. Ci poggiavano sopra le giacche e i berretti, l’accarezzavano, vi poggiavano le spalle.

Che fine ha fatto? A saperlo… Questo è un lavoro per James Biond!

Ecco come si presenta stamattina il Monumento di Ceglie Messapica.

wp-image-597608382

Su street view possiamo vedere dov’era l’elmo di bronzo!

Elmetto

Cosedipazzi

Ammettiamolo, l’On. Nicola Ciracì ha fatto outing. Ha ammesso pubblicamente il suo grandissimo errore politico ovvero, quello di avere puntato su Angelo Maria Perrino, direttore di Affari Italiani che oggi definisce pubblicamente:

VOLTAGABBANA!

Perrino Voltagabbana

Ed ecco cosa succede quando al termine del concerto Angelo Perrino prova a contattare il premio Oscar Giuseppe Tornatore… a quanto sembra questi non gradisce e dice: “No, no, via, no!”