E pensare che il Comune di Ceglie era all’avanguardia.

Nel secolo scorso l’ufficio anagrafe era dotato di un sistema informatico di eccellenza. A Ostuni i certificati erano scritti a mano e si aspettavano giorni, mentre a Ceglie te li consegnavano all’istante. Ora invece a quanto sembra, non si riesce più nemmeno a utilizzare la stampante nello stesso ufficio.

13 pensieri su “E pensare che il Comune di Ceglie era all’avanguardia.”

  1. Al Signor anonimo che sottolinea, credo in negativo, il ruolo del sindacato e dei sindacalisti rispondo che sarebbe molto interessante aprire un dibattito su questo argomento, a patto che come me ed altri ci metta la faccia e il nome e cognome, quello vero naturalmente. Personalmente potrei dare un contributo di chiarezza, avendo in materia una qualche competenza come é noto. Per il resto la mia era solo una riflessione sulle condizione socio-economiche di Ceglie e non di altri contesti territoriali avendo ciascuno la sua specificità, senza esprimere giudizi sulle classi politiche passate o attuali che hanno operato nelle condizioni all’epoca date. Se mai la critica va al popolo per non aver avuto il necessario discernimento nello scegliere il chi e il come.

    Mi piace

  2. Caro Carlo leggo solo ora il Tuo commento, causa impegni associativi fuori sede. Ovviamente, mi riferisco al commento del 25 marzo ore 15.18, il dissenso rispetto alla mia opinione non solo é legittimo ma anche interessante. Sarebbe utile aprire una discussione pubblica. Quanto agli altri commenti, tengo a precisarti e non solo a Te ma a tutti quelli che ci leggono, che non é mia consuetudine commentare in anonimo risposte a miei post firmati, sopratutto se queste risposte sono a loro volta firmate. Quindi, se quello che scrivi é riferito al sottoscritto, visto che mi citi, Ti invito ad essere più prudente e ponderato nelle considerazioni; infatti il sottoscritto nelle rare volte in cui esprime opinioni sui social ci mette sempre la faccia!
    E sopratutto non calunnio mai nessuno nè tanto meno mi permetto di esprimere giudizi su altri.

    Mi piace

    1. Caro Corrado, abbiamo avuto modo di conoscerci e di disquisire su vari argomenti sempre nel massimo rispetto reciproco, in merito alla mia prudenza ti invito a rileggere i miei commenti con più calma e noterai che non sei stato citato con secondi fini. Sarebbe bello aprire un dibattito pubblico ma trovo il blog troppo limitativo per esprimere al meglio concetti riguardanti statistiche demografiche, economiche e sociali con relative cause e successivi effetti sul territorio. Sai meglio di me che i commenti richiedono una scrittura concisa e quindi, in questo caso, il dibattito sarebbe troppo limitativo, rendendolo semplicistico ed orfano delle numerosissime fonti e dei tanti dati in nostro possesso. Credo di essermi dilungato sin troppo, un abbraccio affettuoso, sono certo che avremo modo di vederci più spesso.

      Mi piace

    2. Sarebbe interessante anche aprire un confronto sul ruolo dei sindacati e soprattutto dei suoi rappresentanti che si sono succeduti in provincia di Brindisi,rendendo questa provincia schiava e suddita di grandi gruppi industriali che hanno seminato invece che ricchezza,povertà

      Mi piace

  3. La situazione che si è creata negli uffici del Comune di Ceglie è disarmante. Gli ispettori del ministero delle finanze hanno chiaramente evidenziato la mancanza di una corretta programmazione delle attività delle risorse umane da parte dell’ente. Di questa situazione pagano i cittadini per ottenere servizi adeguati ma vittime sono gli stessi dipendenti verso i quali manca il dovuto rispetto e la valorizzazione del proprio lavoro. A quei dipendenti che si sentono umiliati da direttive e da una organizzazione improvvisata e inconcludente esprimo tutta la mia solidarietà e vicinanza. Tommaso Argentiero

    Mi piace

  4. Buongiorno, credo che questo depauperamento di popolazione sia stata conseguenza della crisi del dopo guerra. La gente ha cominciato ad emigrare per fare fortuna in altri paesi sia europei che d’oltre oceano. La classe dirigente che si è proposta alla guida del paese ha preso coscienza della ricchezza personale che ne poteva trarre da quella occupazione perchè la politica, è diventata, all’improvviso un impiego, un posto di lavoro. Poi le cose sono degenerate, le varie crisi che si sono susseguite, è bene ricordare quella petrolifera degli anni 70/80, hanno sempre portato profitti a faccendieri, politi e mafiosi. Invertire questa marcia verso il baratro potrebbe avere solo risvolti rivoluzionari. Meditate gente, meditate…

    Mi piace

  5. Se questo paese guardasse un attimo alla sua storia…ci sarebbe solo da arrossire per la vergogna. Nel 1849 i tanto vituperati Borboni fece tenere un censimento generale della popolazione del Regno delle due Sicilie e Ceglie risultò essere il comune tra quelli della provincia di Terra d’Otranto con la maggiore popolazione, ben 11.325 abitanti. Pensate Brindisi ne aveva poco più di 7.000 e solo Francavilla e Ostuni ci superavano di poco. Un paese ricco e popoloso, con attività agricole di primissima qualità, masserie a centinaia, ma anche con attività artigianali e agro-industriali importanti. Tutto questo é durato sino agli anni ’60 del XX secolo. Poi lentamente ma inesorabilmente é calato il buio sulla nostra comunità. Un destino cinico e baro?!? Io credo piuttosto che ogni popolo sia artefice del suo destino anche attraverso la scelta della classe dirigente e di governo…
    Ognuno tragga le sue conclusioni!

    Mi piace

          1. “…Permaloso, presuntuoso, fulminato…”, questo sarebbe il tuo approccio ad una discussione, complimenti. Hahaha… D’altronde da un anonimo cosa ci si può aspettare?

            Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...