Il giorno del Giudizio?

Ceglie Messapica. Teoricamente oggi con il Consiglio Comunale monotematico relativo alle Ispezioni Ministeriali si dovrebbe apporre la parola FINE a questa tragicommedia ma ovviamente in un paese anomalo qual è Ceglie non sarà così. I ragazzotti della Maggioranza annuiranno servilmente o al massimo faranno qualche sparata in puro stile Zelig, per quanto concerne la pseudo opposizione… stendiamo un velo pietoso. Potrebbero avere uno scatto d’orgoglio Mita , Manfredi e Gianluca Argentiero per il resto: PASTINA RISCALDATA!

Intanto il PD locale continua coraggiosamente a dire la sua.

Documento del Circolo PD di Ceglie sulla relazione degli ispettori del MEF

Il Circolo del Partito Democratico, in vista del Consiglio comunale del 9 febbraio prossimo, ha discusso e approvato il seguente documento.
La relazione degli ispettori del Ministero di Economia e Finanza (MEF) evidenzia le numerose e gravi irregolarità che hanno caratterizzato l’attività dell’Amministrazione Caroli negli anni passati (e che continuano).
L’elenco delle irregolarità è molto lungo e tocca diversi aspetti dell’azione amministrativa: lo sperpero di denaro pubblico perché si sono acquisiti beni e servizi con procedimenti illegittimi; la violazione delle norme sulla trasparenza amministrativa e sull’anticorruzione; l’uso illegittimo dell’utilizzo di rapporti di somministrazione di lavoro temporaneo; la chiamata diretta di alcuni funzionari privi dei requisiti necessari per lo svolgimento delle mansioni svolte; etc.
Molte delle irregolarità evidenziate hanno comportato un enorme spreco di denaro pubblico, che tutti i cittadini saranno chiamati a coprire con aumento della tassazione.
Il paradosso è che gli ispettori certificano che la macchina amministrativa funzionava male per responsabilità degli organi di vertice, i quali però, a giudizio degli ispettori, percepivano anche  somme di danaro non dovute. Insomma il danno e la beffa!
E si badi: non vale quanto va dicendo il Sindaco, e cioè che stanno valutando e stanno approntando le controdeduzioni. Il Comune è “invitato a rimuovere” le situazioni di irregolarità indicate dagli ispettori e a comunicare gli atti compiuti in un’unica soluzione. E comunque, a distanza di un mese dal deposito ci aspettiamo che la Giunta abbia il quadro completo di tutto e rimuova prontamente le irregolarità.
È molto preoccupante la gestione a vario titolo dei rapporti di lavoro e di collaborazione, in molti casi, come a suo tempo il PD aveva già stigmatizzato, a soli scopi elettorali. La Giunta Caroli ha usato in modo irregolare i contratti di somministrazione di lavoro: non solo in molti casi non poteva utilizzare tale strumento, ma non c’è stata trasparenza sui criteri utilizzati per individuare i soggetti beneficiari. Il dubbio di favoritismi è più che legittimo.
Per non parlare della vicenda di soggetti chiamati a dirigere importanti aree dell’Amministrazione, tra cui quella che dovrebbe favorire lo sviluppo economico della Città, e che, a giudizio degli ispettori, il Sindaco ha assunto “in via del tutto discrezionale” e “sulla base di valutazioni scarsamente apprezzabili”, violando “il principio di selezione pubblica” e mancando di “logicità e ragionevolezza”. E ci pare che la gestione ambigua di tali rapporti continui (desta stupore, infatti, che un ex componente della Giunta abbia ricevuto incarichi amministrativi).
E che dire dei dipendenti comunali a cui è stato chiesto di lavorare oltre l’orario di lavoro, e che lo hanno fatto con sacrificio e dedizione, e che ora saranno costretti a restituire quanto percepito perché l’Amministrazione non ha correttamente determinato gli emolumenti da destinare a tale impegno.
Le irregolarità, poi, hanno riguardato la violazione della normativa sulla trasparenza e anticorruzione, normativa posta a presidio della buona amministrazione. E, ancora, sono stati giudicati irregolari acquisti di beni e servizi: il Comune, insomma, ha speso di più, e il dubbio su favoritismi emerge forte.
Insomma: la relazione certifica il fallimento dell’Amministrazione di Caroli e della sua Giunta!
Il Partito Democratico chiede:
i) che vengano approvati in tempi rapidissimi tutti i provvedimenti necessari per sanare le numerose irregolarità;
ii) di conoscere a quanto ammonta lo sperpero di denaro pubblico causato dalle irregolarità;
iii) che vengano individuati quanto prima gli eventuali responsabili del danno erariale e che si agisca contro di loro per recuperare tali somme;
iv) che vengano rimossi i funzionari la cui posizione e le cui attività sono state ritenute irregolari dalla relazione degli ispettori;
v) che venga reso pubblico l’elenco dei soggetti che sono stati assunti con le procedure di somministrazione.

il Circolo PD di Ceglie Messapica