Rozzi cibernetici

Davvero emblematica la storia della casalinga cegliese, madre di due figli che chattava e inviava foto osè all’amico conosciuto su facebook . Ecco com’è andata a finire (clicca qui).

Del resto facebook è una specie di casa di cura virtuale, un luogo dove vagano sbandati perloppiù persone avanti con gli anni e magari con problemi di identità e di socializzazione. I soggetti più attivi e integrati utilizzano snapchat, whatsapp, instagram, pinterst, ecc.

Facebook è bello perchè è vario e comunque da a tutti la possibilità di trovare l’anima gemella.

Santanchè

Così una vecchia mai stata moglie

senza mai figli senza più voglie

si prese la briga e di certo il gusto

di dare a tutte il consiglio giusto.