Paper ino e la ruota di scorta

Con l’assenza dal Consiglio Comunale di Locootondo Manfredi Argentieri e grazie ai Conglieri Antelmi Perrino e Gianfreda (finta Opposizione) è stato possibile tenere il Consiglio Comunale, VERGOGNA TRADITORI DEL MANDATO POPOLARE altro che Democrazia Cegliese…siete la ruota di scorta del Sindaco Caroli. Da La Bussola, clicca qui.

15 pensieri su “Paper ino e la ruota di scorta”

  1. So’ tutt d’accord!
    Ancora oggi il nocciolo è la speculazione edilizia.
    Da 16 mesi a (se va bene) NOVE anni per approvare un PUG “adeguato”. Con una sola seduta di consiglio avrebbero potuto approvare il PUG dell’amministrazione Federico.
    Ma a chi le venderete le case?
    Speriamo che il tesoretto paventato in consiglio non sia un ulteriore aumento di tasse.
    Chi se ne frega che hanno tagliato sullo sport, le imprese, il palazzetto, gli anziani e addirittura sull’AUDIO del Consiglio, però abbiamo fatto un’estate che ce la invidiano tutti i paesi vicini.
    Ma adesso che il consigliere non si è presentato in consiglio, chi farà u can pums del sindaco?
    Ragazzi che vi approcciate al mondo del lavoro, se potete, andate via.

    Mi piace

  2. Che schifo.
    Fino a qualche giorno fa’ il sindaco utilizzava ogni aggettivo dispregiativo per descrivere Gianfreda ed Antelmi, oggi li stende il tappeto rosso.
    Fino a qualche giorno fa’ i perriniani avrebbero fatto di tutto per annientare il sindaco, oggi li leccano il …
    Per il giornalista di Milano…stendiamo un velo pietoso.
    Parlano di responsabilità, ma mai di dignità ed orgoglio.
    Basta ciarlatani della politica.
    Due inciuci in due legislature, questo si che è un record

    Mi piace

  3. Ma la gente che ha votato quei quattro 8 (e non solo)dell’apocalisse è proprio messa male!!! La politica è ben altro…questi sono incompetenti e illetterati.

    Mi piace

  4. Patto sancito
    Antelmi comunica di essere entrato in aula per “responsabilità” e per difendere il sindaco da un eventuale ricatto dei 4 assenti in seconda convocazione (meglio se ricatta lui)
    Ricci ha dichiarato pubblicamente le dimissioni se fosse cambiata la maggioranza (ma c’è il PUG in atto quindi . . . )
    Vanessa Santoro dopo aver firmato un comunicato senza nemmeno aver letto oggi si ritrova insieme ai perriniani; anche lei preannunció le dimissioni. Dopo aver perso umanamente e professionalmente cosa farà?
    Palmisano 4 schiaffi contemporaneamente . . . 1. Tolto e non tutelato all’ambito 2. Capitoli ridotti ai minimi termini 3. PUG non condiviso 4. Accordo con i perriniani acerrimi nemici suoi. Cosa farà ? Terrà la poltrona per lo stipendio o avrà uno scatto d’orgoglio????
    “Zio” Mimino Lacala contrario ad ogni accordo con i perriniani cosa farà? Qui la risposta la sappiamo : Nulla perché è lo zio
    Vito Santoro : non pervenuto. Comunque ha proposto FaU sto Bertinotti vice sindaco
    Cesare Epifani ultra contento per aver finalmente riunito, dopo ben 5 anni, la triade Caroli-Epifani-Antelmi

    Mi piace

  5. Chissa chi sarà il prossimo assessore al cimitero… mah… lo scorso anno di questi giorni ne dicevano di tutti i colori sull’attuale sindaco… e ora…..? x la serie ci prendiamo la città in un modo o in un altro…. l’immagine peggiore in questo momento credo sia del sindaco…. ormai allo sbando

    Mi piace

  6. Resto nauseato, devo otturarmi le narici. Come dicevano gli antichi: cornuto e mazziato. Voto Perrino come sindaco e vedo che il mio voto Perrino lo usa per sostenere Caroli che non voterei mai. Ma a questo punto piuttosto che rivotare Perrino, voterei anche il diavolo. Perrino, potrai ricevere tanti ambrogini a Milano, tante targhe a Ceglie. Prova ad immaginare che tipo di targa ti consegnerei io. Non lo dico perche’ non voglio darti il pretesto di minacciare querele con studi primari di avvocati, ma c’e’ tanto, tantissimo disprezzo nei tuoi confronti.

    Mi piace

  7. Sig. Perrino, lei potrà fare tutte le querele che vuole, ma a noi che l’abbiamo votata lascerà un ricordo indelebile!
    Poteva tranquillamente non candidarsi a Sindaco di Ceglie Messapica, la nostra città, e che sia chiaro assolutamente non sua!
    Nascondersi dietro frasi mielose come “la buona educazione” o “il dialogo” è solo un pretesto per un misero incarico!
    A noi piacciono persone con la schiena dritta!!
    Prima ha cavalcato le critiche a Caroli, poi adesso quelle a Ciracì, che non dimentichiamo è quello che è andata a pescarla in quel di Milano.
    Spero che se ne torni al più presto nella sua Milano, portandosi magari dietro qualche zavorra!

    Mi piace

  8. Non sanno dove nascondersi, dopo che EMILIANO ha approvato il PATTO per il SUD

    Circa 7 milioni per i beni culturali della provincia di Brindisi nel Patto per il sud

    “Ceglie Messapica , insieme a Brindisi, Carovigno, Cisternino, Fasano, Ostuni, San Vito dei Normanni potrebbero presto godere di un importante finanziamento per il recupero e la valorizzazione di beni immobili di particolare importanza culturale grazie al Patto per il sud, un elenco di proposte presentate dalla Regione Puglia a favore dei beni culturali della provincia di Brindisi”.
    Queste le dichiarazioni in conferenza stampa di stamattina

    “Circa sette milioni di euro per i beni culturali di questa provincia previsti nel Patto per il sud. Questi gli interventi e i comuni interessati:
    – Comune Brindisi: 1 milione di euro per la valorizzazione e la fruizione delle torri costiere ‘Torre Testa e Torre Punta Penne’;
    – Comune di Ostuni: 1 milione di euro per interventi di recupero e restauro del complesso monastico di San Francesco finalizzato alla fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale;
    – Comune di Celle di San Vito: 415 mila euro per il recupero, il restauro e la valorizzazione della chiesa di San Vito e connessi edifici storici;
    – Comune di Carovigno: 676.563,10 euro per interventi di recupero, restauro e valorizzazione del chiostro e prospetto principale del Convento del Carmine Maggiore;
    – Comune di Cisternino: 112 mila euro per interventi di recupero e consolidamento della Torre dell’orologio;
    – Comune di Erchie, 588.601,73 euro per lavori di restauro e ripristino della biblioteca comunale di Erchie e conversione in spazi polivalenti;
    – Comune di Ceglie Messapica: 904.192,48 euro per interventi di restauro, valorizzazione e fruizione del Castello Ducale;
    – Comune di Oria: 900 mila euro per il fondo storico librario;
    – Comune di Fasano: 965 mila euro per il recupero, restauro e la valorizzazione dell’ex asilo ‘Ignazio Ciaia’ del Chiostro dei minori osservanti in corso Vittorio Emanuele;
    – Provincia di Brindisi: 317.300,00 euro per il Museo esperenziale con Spin-off dell’innovazione e della cultura;
    – Comune di Mesagne: 959 mila euro per l’adeguamento a norme, valorizzazione e fruizione del castello di Mesagne”.

    Rosicate gente, rosicate

    Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...