Il Querelone

NASCE A CEGLIE UN NUOVO AVVINCENTE GIOCO DI SOCIETA’: IL QUERELONE

Requisiti per partecipare: essere politichetti localicchi o aspiranti politichetti.
Svolgimento del gioco: i politichetti devono scrivere inutili comunicati stampa e fare a gara a chi la spara più grossa.
Vince chi la spara più grossa oppure chi querela più in fretta.
PREMIO: NU CASCE ANGULE

Dalla pagina fb di Vito Argentieri

Stavano solo scherzando…

ULTIM’ORA!

Dichiarazione dell’On. Nicola Ciracì

Ho appena letto una dichiarazione su una pagina FB denominata Democrazia Cegliese da parte di tre consiglieri comunali appartenenti al denominato gruppo consiliare, nella quale viene riportato in modo gratuito e improvvido il mio nome accostandolo a fatti e situazioni che ignoro e nei quali non ho avuto ruolo alcuno non appartenendo tali situazioni alla mia cultura. Rammento a questi signori ,che fanno finta di ignorarlo ,che rivesto il ruolo di parlamentare della Repubblica italiana e che non posso permettere a nessuno, meno che tutti a loro che non godono della mia stima, che si possa usare il mio nome con leggerezza e disinvoltura facendo peraltro intendere mie complicità’ o che addirittura qualcuno mi protegga da non so che. Vista tale situazione pur non godendo di ” primari” studi legali e pur non avendo in vita mia mai presentato querele anche in evidenti situazioni che lo richiedevano, mi vedo costretto sin da ora ad affidare ai miei legali la difesa della mia immagine contro qualsiasi iniziativa di tali signori. Peraltro ,già da giorni ,a seguito di una nota di cui sono venuto a conoscenza firmata da diversi amministratori comunali che lamentano le ingerenze di un consigliere comunale in gare, appalti ed altro relative a cooperative che godono di affidamenti di lavori e servizi avevo già dato mandato al mio legale di valutare le azioni da intraprendere .
Resto disponibile invece a qualsiasi confronto a livello politico nei luoghi e modalità che vorrà’ indicarmi il dott. Perrino.



Questo è il livello del dibattito politico a Ceglie e i risultati… si vedono. Buona giornata a tutti.

Democrazia Cegliese

Ricevo e pubblico volentieri:

COMUNICATO 1 

Con riferimento all’articolo gravemente denigratorio nei confronti del consigliere Perrino uscito sulla Bussola e ripreso da altri siti, Democrazia Cegliese denuncia il metodo volgare e calunnioso dell’attacco,precisa che nessun rimborso spese e’previsto per i consiglieri comunali e che il consigliere Perrino viaggia a sue spese e preannuncia azione legale in sede penale e civile con richiesta danni nei confronti dei responsabili operativi e politici de La Bussola e nei confronti di tutti coloro che hanno diffuso o diffonderanno tale calunnia.

COMUNICATO 2
Democrazia Cegliese, preso atto della precipitosa marcia indietro del signor Gasparro che si dice reo confesso della diffamazione aggravata e della calunnia operata nei confronti del dottor Perrino e dell’intero nostro gruppo consiliare assumendosi l’intera responsabilità’ del grave reato e mettendo al riparo Nicola Ciraci, ha dato mandato a primario studio legale affinché’ siano perseguiti in sede penale e civile con adeguata richiesta risarcitorie del grave danno d’immagine prodotto il suddetto Angelo Gasparro, i suoi eventuali partner politici e i titolari di alcuni siti in corso di identificazione che con colpevole leggerezza hanno propagato lo scritto diffamatorio della Bussola propalando la calunnia e accrescendo il danno.


E intanto il Sindaco ottocentesco di Ceglie ovvero, il Cav. Giuseppe Elia interviene dall’aldilà.

E’ esplosa in queste ore la polemica su di un post scritto e pubblicato sulla pagina facebook dell’associazione LA BUSSOLA, di cui ignoro chi sia il gestore.
Al netto della disinformazione strumentale e certamente censurabile sul piano penale e civile, per gli inevitabili risvolti di danno all’immagine dei singoli citati ma direi della stessa Amministrazione comunale, rispeto a presunti rimborsi spese percepiti dai consiglieri comunali per la partecipazione ai Consigli stessi, quello che mi preme é il risvolto politico di tali asserzioni.
In un clima di imperante antipolitica, gettare nella mischia mediatica e spesso disinformata del web che i consiglieri vengono ristorati di tutte le spese per partecipare ai consigli comunali, nel caso di specie centinaia di euro a seduta per pagare biglietti d’aereo, equivale a gettare benzina sul fuoco, con conseguente grave delegittimazione di una Istituzione democratica fondamente qual’è appunto Il Consiglio comunale…e poi ci meravigliamo che la gente indica i politici, tutti i politici, come ladri patentati?!?
Inoltre, ed è la cosa che maggiormente mi infastidisce, sempre sul web si accosta l’opera meritoria del Comitato per la trasparenze e la legalità, a simili cialtronate! Mi rivolgo al carissimo Tommaso Argentiero, stimato e competente conoscitore della macchina amministrativa locale, perchè giova ricordare che amministratore comunale non ci si improvvisa ma occorre tanta gavetta e tanto sacrificio intellettuale per avere cognizione di causa su quello che si dice e si fa, affinché il Comitato possa essere liberato dalle incrostazioni dovute alla presenza di alcuni che, legittimamente per carità, hanno già un impegno chiaro e strutturato in forze o movimenti politici. Il Comitato a mio pare deve essere composto da cittadini che per competenza e libertà personale, possono mettere in luce le positività e le negatività della vita politico-amministrativa di Ceglie, senza doversi per forza confrontare con l’appartenenza a questo o a quello schieramento politico, schieramento che nella nostra Ceglie ogni giorno diventa sempre di più amicizia o odio personale!
Questo il mio pensiero: la società civile faccia il suo mestiere, la politica il suo. Confronto SI: commistione, sovrapposizione, prevaricazione NO.