12 pensieri su “Con le pinne, fucile ed occhiali.”

  1. Mi piace poter cogliere l’aspetto positivo della vicenda. Se fosse vero, credo che il passaggio su Striscia la Notizia rappresenti un elemento fortemente significativo sotto il profilo della conoscenza del nostro territorio, se pensiamo che il nome della nostra bella Ceglie possa entrare nelle case di milioni di persone. In fondo, dopo trenta secondi sana risata, nel telespettatore potrà nascere la curiosità di andare a cercare la location di Ceglie Messapica. In questo caso bisogna riconoscere il merito di chi ha “segnalato” agli organi di stampa la questione, tutto sommato a costo zero per le casse della nostra municipalità.
    Un fan di Ceglie Messapica.

    Mi piace

  2. Ma come il ragioniere e compagnia bella fanno danni e (scusate il termine) stronzate ogni giorno che fanno mobilitare autorità anticorruzione, ispettorato funzione pubblica, copiature di atti importanti che fanno capire la serietà con cui “lavorano” (lo so parola grossa per quei personaggi) e qualcuno ancora crede e dice che un banale manifesto metta in cattiva luce il paese?
    Ma fatela finita.
    Aprite un pò gli occhi e fate ragionare qualche neurone, se lo avete.

    Mi piace

  3. Il cittadino comune sa dare il giusto peso, sia pure con il sorriso sotto i baffi, alla svista del mare a Ceglie e alla copiatura delle delibere. E’ improduttivo stilare una delibera da capo se ce n’è una disponibile di un altro comune. Certamente bisognava adeguarla alla realtà di Ceglie, ma non è questo che può scalfire il consenso di Caroli. Forse lo può rafforzare. Per le auto bruciate tutti capiscono che può capitare con qualunque altro sindaco. Fino a quando la magistratura non rileverà qualcosa di penalmente rilevante, Caroli resterà in sella e durerà a fino al 2020.

    Mi piace

    1. Ma porca trota. Io non firmerei mai un pezzo di carta senza averlo letto!! Questi hanno in mano le sorti di un paese e che fanno? Copia e incolla senza nemmeno preoccuparsi di rileggere? Anche io faccio copia e incolla ma, ripeto, porca trota, almeno rileggo. E che diamine. Sono indifendibili.

      Mi piace

  4. Macchine incendiate, furti alle ville dei turisti, Pinuccio ci prende per i fondelli perché hanno portato il mare a Ceglie, tasse alle stelle, macchina comunale allo sbando, bilancio squagliato, manifesti censurati ma l’importante che fanno la festa a San Rocco, ferragosto e San Silvestro e che qualche big ogni tanto viene a mangiare a Ceglie. Come stiamo uccisi e non ce ne rendiamo più conto.in un comune vicino nessuno avrebbe fatto mai strappare un manifesto e se fosse successo si sarebbero ribellati tutti.

    Mi piace

  5. Caro Francesco, devo farti i complimenti per la magnifica esposizione che hai fatto degli avvenimenti. Sono dati oggettivi e non opinabili. La tua descrizione potrebbe ben essere inserita in una tesi di laurea sul come non si amministra un comune. A me sinceramente danno fastidio in politica gli estremismi di destra o di sinistra, sono per la moderazione di quella moderazione di cui il veneziano Antonello dovrebbe essere il massimo rappresentante a Ceglie. Dispiace constatare che anche lui, col suo bene..al..comune, sia diventato cosi’ di parte e anche indifendibile nel difendere l’indifendibile. Posso capire i Locorotondo, i Palmisamo, l’Epifani che se non avessero la politica non saprebbero come riconvertirsi. Ma dal cattolico Antonello mi aspettavo qualcos’altro, mi aspettavo che prendesse le distanze da tutte queste…chiamiamole sciatterie che si sono verificate. Sorvoliamo su tanti episodi, la cosa che mi ha colpito di piu’ e’ stata l’offesa alla liberta’. Cari Signori, siamo in Italia e Ceglie fa parte dell’Italia, siamo in democrazia, non stiamo nella Repubblica di Salo’. Questa liberta’ l’hanno conquistata i nostri nonni, i nostri padri e non esiste un Caroli qualsiasi che possa metterla in discussione. I manifesti, quantunque avversi, vanno letti e non strappati. Vanno letti per leggere le critiche ed eventualmente cercare di migliorarsi. Sig. Sindaco Caroli, lei non ha strappato un manifesto, ha tentato di strappare la liberta’ e nonostante tutti i debiti elettorali che si porta dentro, nonostante la sua prepotenza, non riuscira’ a mettere il bavaglio alla coscienza dei cittadini. Per ultimo ma non ultimo. Sig. Perrino: ma che c’azzecca la sua mediazione sociale?

    Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...