Se bruciasse la città

Ennesimo attentato incendiario la scorsa notte a Ceglie Messapica. Presa di mira l’auto della moglie di un impresario di pompe funebri.

https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/736x/e4/ee/4f/e4ee4fb03d8c0495c968a91e5e78a734.jpg

Si tratta del quinto attentato incendiario consecutivo. Che dirvi? Come presidio democratico e di legalità Il Diavoletto offre questo spazio alle associazioni (se esistono), ai partiti, ai singoli cittadini insomma a chiunque voglia dare il proprio contributo per dare una risposta forte a una simile barbarie.

Constato comunque che i toni si stanno esasperando e mi sembra esagerato questo attacco alle Forze dell’Ordine. Sicuramente stanno investigando e stanno collegando tutti i tasselli. Dobbiamo avere fiducia nel loro lavoro investigativo. Alle fine potremmo avere delle sorprese.

5 pensieri su “Se bruciasse la città”

  1. A Torchiarolo sabato sera e stato fatto esplodere un grosso petardo su un auto di un carabiniere in servizio in quel momento in quel comune da lunedi in quel comune arrivano rinforzi… mentre a ceglie si perde sempre più personale si sta ritornando ai vecchi anni 90…. che vergogna…. stanno portando un paese in una palude e poi il cimitero…. sembra un osso gettato a tanti cani…

    Mi piace

  2. Per una volta abbandono il terreno della polemica politico-amministrativa, per addentrarmi in valutazioni sociologiche, perché davvero la misura si é colmata! Che la nostra fosse una comunità sonnacchiosa, un pò omertosa e forse anche, culturalmente si intende, paramafiosa, c’è ne eravamo accorti tutti. Che la strafottenza, il menefreghismo, il paraculismo, fossero condotte comuni a tanti di noi, per non dire a quasi tutti, anche questo era palese, ma la assoluta indifferenze con la quale la città sta assorbendo il fenomeno delle automobili bruciate e non solo qualle, a”dispetto” o per vendetta o per antipatia personale o chissà per quale misterioso motivo, davvero rasenta le scene di quelle cittadine siciliane o calabresi, nelle quali in certi film anni cinquanta, si osservavano le persiane delle case chiudersi repentinamente al primo accenno di …fastidi…come si dice in certe case di benpensanti!!
    Quello che é peggio, nei bar, in qualche esercizio commerciale, per strada, a mezza voce, guardandosi in giro, si sussurrano frasi del tipo…chissà cosa avrà fatto, oppure…si é cercato i guai, oppure altre espressioni tipiche di chi tenta di trasformare le vittime in colpevoli.
    Mi chiedo e chiedo: é mai possibile che nessuno veda niente o noti nulla?! Il tanto decantato sistema di video sorveglianza perché non viene attivato?! E le Forze dell’Ordine ci tutelano davvero?!
    Possibile che nessuno, a partire dell’Amministrazione Comunale, senta il dovere morale, civico e giuridico di reagire?! La stessa Chiesa in altre realtà voce di verità e di denuncia, come mai tace, non agisce, non stimola le coscienze?!
    La cosa peggiore che si possa fare in questi casi é tacere, per il bene della collettività, così come alcuni dicono e sottolineano;” non si dicono queste cose, facciamo cattiva pubblicità alla nostra Città…”
    La cattiva pubblicità la facciamo tacendo, non reagendo come comunità, non discutendo e denunciando quanto oramai da anni va accadendo, sia con gli incendi che con i furti nelle campagne o con gli atti di vandalismo nei confronti dei beni pubblici!
    Una cosa deve essere chiara, cari concittadini, in questo momento, in questa fase socio-economico-culturale o ci salviamo insieme, come comunità, oppure non c’è la faremo…l’epoca del “chi si fa i fatti suoi campa cent’anni”, é finita da un pezzo!
    Ho fatto un sogno (scusami Martin Luther King!)…vedere sfilare migliaia di cegliesi, tutti indossando una maglietta con la foto della propria auto e sotto la scritta…e adesso bruciatele tutte!!
    Credo che ne guadagnerebbe l’immagine di Ceglie ma sopratutto ne guadagnerebbe la nostra coscienza e la nostra dignità di cittadini e di esseri umani.

    Mi piace

  3. L’associazione antiracket e l’associazione libera perchè non organizzano un flash mob in piazza invitando il sindaco e l’onorevole? La città ha bisogno di sentire dalle cariche più alte che provvedimenti si stanno adottando! Signor sindaco, non limiti le sue presenze a inaugurazioni o cerimonie di piantumazioni di alberelli, è il momento di prendere le redini della situazione, sono sicuro che la partecipazione da parte dei cittadini sarebbe massiccia!
    „“Adesso non lasciatemi solo perché altrimenti sono rovinato. La gente non abbia paura”“
    http://www.brindisireport.it/cronaca/l-impresario-funebre-perseguitato-dalla-mala-non-lasciatemi-solo-aiutatemi.html

    Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...