Emergenza randagismo!

C’è un branco di cani familici in libertà nelle nostre campagne!

Cani randagi assaltano ovile nella notte: sbranate quindici pecore
„Quindici pecore sono state sbranate da un branco di cani randagi che la scorsa notte ha assaltato un ovile situato in contrada Curto di Mele, nelle campagne di San Vito dei Normanni, fra le strade provinciali per Francavilla Fontana e Latiano.“ (Clicca qui)

Aggredito in strada da tre cani: 200 punti di sutura per un legale (Clicca qui).

https://i1.wp.com/www.doggyzen.it/wp-content/uploads/2015/03/Fotolia_2324755_S-725x456.jpg

RINVENUTI RESTI DI IMPORTANTE NECROPOLI MESSAPICA. CONVOCATO D’URGENZA CONSIGLIO COMUNALE.

Ci racconta tutto il collega blogger Franco Arpa. Clicca qui.

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xft1/v/l/t1.0-9/11143669_1647149468859751_6177096159671148743_n.jpg?oh=5af3a3cce1e9ad39fd7fa38dc2a1de65&oe=5673C179
Da CEGLIE STORIA di Michele Ciracì. Oronzo Parlangeli nacque a Novoli, il 10 marzo 1923, frequentò la scuola secondaria presso il Liceo ginnasio “Palmieri” di Lecce, a 17 anni si iscrisse a Milano alla facoltà di lettere e filosofia dell’Università Cattolica “Sacro Cuore”, dove il 20 marzo 1946 conseguì la laurea in lettere classiche. Nella stessa università, l’anno successivo, si perfezionò in filologia classica con il massimo dei voti; dedicatosi all’insegnamento medio. Contemporaneamente, nel marzo del 1947, era stato nominato assistente volontario dell’Istituto di glottologia all’Università Statale di Milano, di cui era direttore il prof. V. Pisani. Nel 1954 conseguì la libera docenza e sempre nello stesso anno, presso l’Università di Messina, vinse la cattedra di glottologia dove insegnò fino al 1964. Nel novembre dello stesso anno, passò all’insegnamento come ordinario presso l’Università di Bari, facoltà di Magistero. L’attività e l’opera del Parlangeli è stata vastissima, da ricordare la prestigiosa Associazione Linguistica Salentina, che ininterrottamente continua nell’opera di divulgazione delle opere del Parlangeli, nella diffusione dei suoi studi e di nuove ricerche e pubblicazioni. La carta dei dialetti italiani, un opera di ricerca minuziosa e di un valore inestimabile. La proposta dell’Associazione degli Studi Messapici! Nel momento più fulgido della produzione parlangeriana, l’incidente stradale che ne ha stroncato il contributo di enorme valore scientifico e culturale. Morì a causa di un incidente stradale nei pressi di Roma l’1.10. 1969. (Biblioteca Michele Ciracì)