E’ FATTA!

Ora ho contro anche l’On. Nicola Ciracì. A quanto sembra se hanno perso Mita e Perrino, la colpa è del Diavoletto.

P.S. La mia stima nei confronti di Nicola resta immmutata. Ecco cosa scrive su fb sparando questa foto in primo piano.

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0-9/11866231_10206579051748631_7469690226865875919_n.jpg?oh=7eedce0f7ed087cd57c87d6eec10f384&oe=56387D6A

In Italia come nella nostra Ceglie molti sono mentalmente abituati ad andare in soccorso del vincitore “momentaneo” convinti che piuttosto che fare il richiesto sacrificio dell’opposizione sia molto più conveniente strizzare l’occhiolino a chi governa visto che “non si sa mai” qualche piccolo ritorno può sempre esserci. Il piccolo trasformismo in fin dei conti in momenti di crisi sembra essere tollerato e la coerenza è’ virtù per pochi , da noi spesso conta il tirare a campare o tengo famiglia. In queste italiche virtù sembra essere caduto anche il mio amico Diavoletto che in fin dei conti rimane prevalentemente un geometra e quindi ben capisco che si debba astenere dal commentare il raddoppio dell’indennità dell’attuale responsabile dell’ area urbanistica da sei a Dodicimila euro o far finta di non vedere che l’attuale assessore all’urbanistica oltre a non avere alcuna competenza, ad essere stato bocciato dai cittadini ha una evidente incompatibilità , ma che addirittura oggi diventi “cavalier servente “dimenticando la sua posizione sino a qualche giorno addietro mi sembra sinceramente eccessivo.Posso capire il tentativo di riposizionarsi ma addirittura sparare sulla nuova opposizione dopo appena un consiglio comunale tacendo sulle nuove tasse non ha davvero giustificazioni e chiedere le dimissioni di chi rappresenta il 40% dei cegliesi lo trovo presuntuoso e immotivato . Se si usasse la stessa logica qualcuno dovrebbe quindi chiedere a lui le dimissioni da blogger visto che non ha convinto nessuno, anzi  Io credo invece che vada rispettato il responso elettorale e chi ha vinto debba governare e chi è’ stato sconfitto debba fare sino in fondo il duro mestiere dell’opposizione rispettando la volontà dei nostri concittadini. Troppo semplice fare i saltafossi, dire io l’avevo detto e sparare nel mucchio.
Anzi credo che Perrino e Mita debbano far sentire forte la loro voce dal 19 in consiglio comunale chiedendo che venga annullata questa nuova grandinata di tasse che l’ attuale sindaco sta facendo abbattete sulla nostra comunità .
Di fronte a un bilancio svuotato, a una programmazione estiva indecorosa, priva di cultura, eventi e anima e a una amministrazione impegnata solo nella gestione clientelare spetti ai due ex candidati sindaci costruire l’alternativa del domani superando barriere , schemi politici obsoleti e comprendendo che i cittadini hanno bisogno della loro voce per smuoversi .D’altronde non sono soli visto che possono contare su un deputato, sui consiglieri della minoranza e sul 40% dei cegliesi .
Non se ne voglia il diavoletto se dissento dal suo “pensiero unico senza contraddittori “ma credo che Ceglie , al risveglio”avrà’ ben presto voglia di politica, di idee e di coerenza.Come ha bisogno di un diavoetto che ritorni ad essere pungolo , che non si allinei al potere ,insomma quello di prima.Anche perché se diventasse zerbino come in queste ore magari godrà di qualche tolleranza in più negli uffici comunali ma sappia con grande franchezza che oltre a perdere la dignità avrà tutte le nostre attenzioni. D’ altronde se uno voleva fare l’assessore alla trasparenza …
PS nelle prossime ore parlerò di Madonna della Grotta, di una nuova diffida dell’ ente anticorruzione all’amministrazione e vedremo chi è diventato afono e chi invece continua ad avere il coraggio del non allinearsi alla logica del zitto e ….
Firmato: On. Nicola Ciracì