Il giro del mondo ai tempi dell’ISIS

L’uomo dai maglioni a rombi al secolo il dottor. Donato Carlucci ha effettuato il giro di boa della sua vita ed ha deciso di regalarsi il giro del mondo. Il cordone ombelicale che lo terrà legato alla nostra terra sarà Il Diavoletto. Da questo blog Donato si rifornirà di biscotti cegliesi da regalare ai popoli che visiterà. Si comincia dall’Argentina.

Donato

 

4 pensieri riguardo “Il giro del mondo ai tempi dell’ISIS”

  1. Altro che maglione a quadri …
    abbiamo appena finito di apprezzare le “bellezze” dei Ceglie, su rai1 a linea verde
    dove F.Quaranta (grottagliese ma cittadino onorario della nostra città) ci ha fatto vedere Fiorio che imbocca contromano corso Garibaldi, ci racconta la storiella delle due macchine che si incrociano in un tratturo, ovviando chiaramente del rally da lui stesso organizzato con tanto di consensi da parte delle autorità cegliesi, ma senza un minimo di norme sulla sicurezza … ecc. ecc.
    Non dimentichiamo quindi che mentre mamma rai ci ricordava di pagare l’abbonamento, il tutto/niente, ci è costato altri DIECIMILA EURO DEI SOLDI NOSTRI.

    P.S. Per favore, qualcuno spighi a Gaetano come si fa il panino Cegliese!

    Mi piace

  2. Se scriverà un libro potrà intitolarlo: Il giro del mondo con un maglione a quadri.
    Noi scherziamo, ma il titolo del post richiama un’emergenza che ci riguarda molto da vicino, l’Isis in Libia. Non è soltanto un problema di vicinanza, ma anche di possibili infiltrazioni di quei terroristi tra i migranti che sbarcano sulle nostre coste e di interessi petroliferi italiani in quella regione.
    L’ex-presidente francese Sarkozy commise una grave imprudenza a intraprendere l’azione che portò alla caduta di Gheddafi. Quell’errore ora lo paghiamo noi.
    Tutti coloro che hanno come unico pensiero la scelta tra Mare Nostrum e Triton badino che adesso la priorità è l’Isis. Vorrei proprio vedere cosa sono in grado di proporre, magari Civati o Fassina..

    Mi piace

    1. I due hanno votato contro e Fassina ha pure parlato: dovevamo fermarci. Grande stratega e confusionario! La gente avrebbe pensato che il Pd non riesce a concludere niente e che ci sono cose più importanti delle riforme istituzionali, anzi è lui stesso che tempo fa ha detto queste cose.

      Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...