Dai “faccirtoni” ai tacchi a spillo.

Anni cinquanta. La piazza centrale di un paese del Tacco d’Italia. In questo caso Piazza Plebiscito di Ceglie Messapica. Anche la luce aveva un’altra tonalità.

SpallutiQuesta bellissima foto è di Battista Spalluti.

Ceglie cinquanta

19 pensieri su “Dai “faccirtoni” ai tacchi a spillo.”

  1. Aderisco con piacere all’invito di Domenico Biondi, trascrivendo di seguito la versione da me riportata sul “Vocabolario del dialetto di Villa Castelli”- di Angelo Giuseppe Chirulli -Edizioni Pugliesi – 2005:
    Fazzǝlèttǝ: s.m.- fazzoletto, pezzo di stoffa
    Fazzəltónə: s.m.-da fazzoletto – scialle,mantella di lana da indossare sulle spalle.
    Com’è agevole dedurre, il termine “fazzəltónə” deriva direttamente da fazzǝlèttǝ.
    E poi chiedo: perché riportare la versione del dialetto salentino “faccirtone” o “faccirtone” o “facclittone”, che, a mio modesto parere, non hanno alcuna attinenza etimologica con la versione dialettale cegliese del termine “fazzoletto”( che secondo me ha originato il termine di cui sopra), e che nulla hanno a che vedere con il dialetto di Ceglie Messapica( da cui deriva quello di Villa Castelli e di San Michele S.no)?

    Mi piace

  2. Caro Domenico lo scialle dovrebbe correttamente scriversi “facciulettone” come riporta Gerhard Rohls nel primo volume del Vocabolario dei dialetti salentini. Naturalmente le due vocali “e” dovrebbero correttamente scriversi con la “e” capovolta perché sono mute alla francese.
    Ti saluto Vincenzo Gasparro

    Mi piace

    1. Vincenzo, come ti è largamente noto, il dialetto cegliese è intermedio tra il salentino e il barese. Il Rohls tratta del primo. Ti è pure noto che le nostre nonne dicevano “farcittone” da scriversi – sono d’accordo – con la e capovolta.
      Inoltre facciulettone fa pensare al significato di grande fazzoletto, farcittone secondo me allude al significato di completamento dell’abbigliamento. Lascio a te ulteriori considerazioni. Io non ho il Rohls.

      Mi piace

      1. Personalmente ricordo che la mia nonna diceva precisamente “facclittone”. Il Rohls inoltre ha ampiamente frequentato Ceglie e mi sembra improbabile che a un glottologo della sua levatura potesse sfuggire questa sfumatura semantica. Penso comunque che queste differenze siano frutto di una diatopia semantica in senso diacronico e sincronico.
        Non ne facciamo un dramma, perché la lingua è un “organismo vivente” soggetto a trasformazioni come ci ricorda Jakobson.
        Ti saluto Anonimo. Perché non ti firmi? E’ bello guardarsi negli occhi. Perché nascondersi, anche per una parola.

        Mi piace

        1. Rispondo a te, a Domenico e a A.G. Chirulli La dizione esatta della parola, a mio parere, è quella fornita da Vincenzo Gasparro da modificare però con l’introduzione delle e mute: faccelettone. Quindi tutte le e si devono scrivere capovolte
          Angelo Palma

          Mi piace

  3. L’ignoranza del commentatore delle 1709: il termine navigatori si riferisce al Web, alla Rete, ad Internet. E’ proprio per ignorantoni del genere che ad Ostuni ci prendono in giro dicendo che e’ arrivato il mare a Ceglie. Capra, capra, capra

    Mi piace

    1. Pargoletto mio, avevo riservato per te un posto come assessore alle attività portuali, non devi rivolgerti così allo zietto tuo, tu sai che noi della comunicazione ne faremo un progetto…. magghiat, magghiat, magghiat….

      Mi piace

    1. Comprendo. Ho scritto “faccirtone” perchè pensavo che il termine derivi da faccia. Comunque ho un’idea, chiedo lumi a un mio amico di Villa castelli che sta dando alle stampe un vocabolario dei termini dialettali.

      Mi piace

  4. cari amici buonasera, solo per comunicarvi che il nostro illustre candidato ha individuato nella nostra comunità, tra l’altro, un popolo di naviganti e per questo abbiamo deciso che nel nostro programma riterremo essenziale l’apertura di un nuovo porto nel nostro comune. In tal modo potremmo assicurare un posto nella categoria dell’eccellenza nel prossimo campionato.

    Mi piace

  5. Per confermare quanto scritto dal commentatore delle ore 7,39 auguriamoci d’avvero che venga eletto il dottor Perrino, se non altro per rialzare il livello di cultura in cui è stata fatta sprofondare Ceglie Messapica.
    A tal proposito approfitto per fare i complimenti a Stefano Menga per la realizzazione del suo ultimo libro, di cui ho visto da poco la presentazione con la consegna dei vari riconoscimenti offerti ai partecipanti più noti.
    Mi ha colpito tantissimo il sorriso perfido un pò come CAINO E ABELE, che aveva il sindaco quando ha consegnato la targa (di riconoscimento) al capitano dei carabinieri Iacuzio Raffaele, magari in ricordo delle scorribande da centauro …

    p.s. Guarda caso, quando i centauri viaggiavano al di fuori di ogni legalità …
    Iacuzio prestava servizio proprio a Ceglie.

    Mi piace

    1. Apprezzo la sincerità e l’onesta con la quale chiedi soccorso per alzare il livello culturale della nostra città, compreso anche il tuo. Non occorrono altre parole. Pure oggi l’errore è gergale?

      Mi piace

      1. Non è la cultura il problema qui a Ceglie.Più che alzare il livello di cultura in questo paese bisognerebbe abbassare il livello di clientelismo che regge tutto il Sistema da anni. E qui in i questo paese è parecchio presente. Senza offesa per nessuno ovviamente.

        Mi piace

  6. La storia si muove in maniera casuale? E la moda pure? No quest’ultima è sicuramente pilotata. Lo fu prima da Parigi, poi si estese a molte città italiane e poi ritornò anche a Parigi. Per i tacchi alti è proprio così: nacquero a Parigi ai tempi della monarchia assoluta. Cito a mente.

    Ma anche la storia, a mio avviso, può essere pilotata e dipendere dalle nostre decisioni.
    Un esempio ultimo ce lo da il risultato di ieri sulla legge elettorale. Il voto determinante di Fi a questa legge è una conseguenza del disimpegno di una parte della minoranza Pd.
    Non sono ripetitivo, il problema è al centro della politica italiana.
    Mentre si proclama che le riforme istituzionali devono essere condivise da tutti, una parte del Pd si muove contro le decisioni della maggioranza interna.
    Come mai il gruppo vicino a Renzi votava disciplinatamente con l’allora maggioranza del proprio partito e adesso non viene ripagato? E’ un problema di potere che viene mascherato da valori e moralità per contrastare invece una politica di sinistra moderna.

    Mi piace

  7. ieri sera ho finalmente rivisto la serata del premio 72013.
    Mi auguro fortemente per Ceglie e tutti i Cegliesi che il dottor Perrino accetti la guida di questo paese, oramai allo sbando e alla deriva con al timone lo Schettino cegliese.
    Sarebbe un grande onore per noi avere un SINDACO come Perrino.
    Alziamo il livello di questo paese, basta con i ragionieri, con personaggi da terza media clienti fissi di bar e primere, super tuttologi che hanno incancrenito questa cittadina.
    Abbiamo bisogno di aria pulita!

    Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...