L’opposizione della toponomastica.

Ultim’ora. C’è stata una rapina a mano armata alla farmacia Caputo. Stefano Menga vi racconta tutti i particolari qui poi se volete tornate a leggere questo post, è interessante! 

Il tenero Tommaso Argentiero ha un solo unico grande obiettivo in questa consiliatura: riuscire ad intitolare questa benedetta strada a quel prete di cui non ricordo il nome. Si sta impegnando al massimo fino al punto di supplicare gli attuali Amministratori.

Il tenero Tommaso è buono come il pane e quindi non poteva rifiutarsi di sottoscrivere l’altro giorno un documento relativo all’appalto sulla pubblica illuminazione a Ceglie. Leggi qui.

Il tenero Tommaso si è svegliato un po’ tardi però e guarda caso quando si è saputo che il subappalto è stato affidato a una ditta di Avellino (con tutto il bendell’Imiel che abbiamo a Ceglie!) . Ma dal settembre del 2012 data in cui è stato affidato l’appalto fino a gennaio 2014 dov’erano Tommaso e i suoi amici?

Caro Tommaso, tanta gente appena sente le parole: appalto, illuminazione, Ceglie fa subito un collegamento con il PD Bolognese. Non capisco perchè. Ma tutte le persone con cui parlo sono impazzite? Che c’entra il PD Bolognese con l’appalto della luce a Ceglie?

Cari Amministratori accontentate Tommaso, intitolategli quella strada!

Ricevo a pubblico volentieri.

La confusione e l’abuso di ufficio continuano a regnare nel comune di Ceglie Messapica!
In data 05 febbraio 2014 ho chiesto la revoca della determina n. 9 del 17.01.2014 in quanto la stessa provvedeva ad erogare un contributo di Euro 12.000,00 ad un società non più ammesso dal 1° gennaio 2013 secondo quanto disciplinato dall’art. 4, comma 6, del DL 95/2012, convertito in legge 7 agosto 2012, n. 135.
Poiché la determina, così come pubblicata sull’albo pretorio del Comune, è a firma della Dott.ssa Patrizia Gallone ho indirizzato anche a Lei la richiesta di cui sopra.
La risposta scritta da parte della Dott.ssa Gallone dice testualmente “… alla data del 17 gennaio 2014, data in cui veniva redatto l’atto, non rivestiva alcun incarico di Posizione Organizzativa. Ne consegue l’impossibilità di annullare in autotutela un atto non proprio”.
Quindi siamo di fronte ad una determina completamente illegittima sia perché eroga un non più ammissibile, se non per fini istituzionali, contributo importante (Euro 12.000,00) e sia, cosa ancora più grave, perché è a firma di un Responsabile di Area non autorizzato.
Poiché ritengo che chi ci amministra debba monitorare responsabilmente le risorse comunali colpendo e non premiando chi abusa del ruolo che temporaneamente ricopre solleverò ed indirizzerò gli atti di cui sopra agli organi competenti.
Firmato: Gianfreda Giovanni Consigliere Comunale.

9 pensieri su “L’opposizione della toponomastica.”

  1. PD FI NCD (no ndc) SEL UDC e le varie associazioni non hanno mai “cavato un ragno dal buco” su questo tema. Lavoro ci vuole (lavoro “vero” non quello gestito dai politici e dalla mafia) quella è l’unica medicina.

    Mi piace

  2. e tu dov’eri dal settembre 2012 fino a gennaio 2014 ? La Ditta bolognese era la seconda nella graduatoria della gara per l’illuminazione, non la prima. Dopo il ritiro della ditta calabrese, l’assegnazione è avvenuta da parte della giunta Caroli che avrebbe potuto o rifare la gara o proporle un ribasso di 700 mila euro. Questa ditta sarebbe così vicina al PD che quello stesso partito starebbe facendo da mesi una battaglia per denunciare la sua inadempienza!?. Poi cosa passi nella tua mente quando pensi a Tommaso Argentiero che avrebbe firmato di mala voglia la contestazione e citi la Imiel, che la gara l’ha persa, solo Dio Onnipotente lo può sapere. Semmai Tommaso dovrebbe avere interesse a sostenere eventualmente l’Imiel e contrastare con maggiore vigore la ditta bolognese! Ma così nemmeno è. Il Signore abbia pietà di te e perdoni i tuoi peccati! Poi mettiti un paravento davanti allo studio così eviterai di girarti in continuazione come una banderuola.

    Mi piace

    1. La differenza tra me e te è che TU HAI PAURA DEL CONFRONTO ed infatti i tuoi luoghi pubblici sono deserti. In puro stile stalinista non puoi accettare i commenti a maggior ragione se questi sono anonimi. Nel caso in oggetto ritengo che Tommaso Argentiero sappia difendersi bene da solo.

      Mi piace

    2. Non è stato proposto un ribasso di 700 mila euro, è stato assegnato il lavoro con un aumento di circa 750 mila euro. Qualche dubbio è legittimo.

      Mi piace

  3. Tommaso Argentiero ha tanti altri obiettivi che le sue mozioni, segnalazioni e interpellanze evidenziano.
    Preciso che Via Umberto I va dalla Chiesa di San Gioacchino fino al Mulino Ricci. Da lì fino all’Ospedale la strada non ha nome.
    Per quanto riguarda tutto il resto, credo che non sia il primo dei problemi nemmeno per i parenti vicini e lontani. Interessa che di quel “piccolo prete” si parli, ma Ceglie non credo sia la città adatta per onorare i suoi cittadini illustri. Ci sono delle eccezioni e il prof. Agostinelli è tra queste, ma ad esempio per Pietro Gatti si è provveduto?
    Come Tommaso Argentiero ha scritto, in altri comuni ci son gruppi e singoli individui che se ne stanno occupando. A San Vito, malgrado il tempo inclemente, sabato scorso la sala dell’Unitre era incredibilmente piena. Tra poco ci sarà un’altra manifestazione in un’altra città a noi vicina.
    L. D.

    Mi piace

  4. e ormai allarme criminalita’ in questa citta’….temo che la situazione stia sfuggendo di mano…..decine di incendi di autovetture arresti = 0 rapine ad attivita’ commerciali arresti = 0 abitazione di campagna saccheggiate e svaligiate a forestieri che hanno investito denari creando economia facendo lavorare piccole imprese del posto….( e che ora stanno scappando) …..ed a cegliesi stessi che si ritrovano le case in periferia e in campagna saccheggiate……arresti = 0…. dove sono i politici PD FI NDC SEL UDC le varie associazioni ??? strano silenzio sulla sicurezza in questa citta’ ultimamente……

    Mi piace

    1. Non puoi dire che le forze dell’ordine non stiano facendo il proprio dovere. Se segui davvero la cronaca scoprirai invece che ne hanno beccati tanti e che si stanno impegnando al massimo. Il problema è invece quello della sensibilità sociale e dell’associazionismo ma del resto cosa dovremmo aspettarci dai professionisti dell’Antiracket?

      Mi piace

E' possibile inserire nei commenti anche video ed immagini. Copia i link ed inseriscili. Ti consiglio di non fare commenti offensivi e comunque non entrare in polemiche personali.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...