Oltre il carnaio ferragostano.

Ceglie vintage.

Era incantevole la nostra cittadina negli anni sessanta. Fra un po’ pubblico qualche foto d’annata.

.

Abbiamo maledettamente bisogno di informazione locale libera.

Diteglielo voi, io personalmente mi sono stancato.

Sono entusiasti per aver ammassato a ferragosto una folla sudaticcia, esausta, schiacciata all’interno di piazza plebiscito. Il successo dell’estate cegliese ora sarà somatizzato dal bar Agorà et similia. Chissà quanto di quello che è stato investito ci tornerà indietro. Chissà quanti soldi per l’occupazione di suolo pubblico sono rientrati nelle casse comunali del Comune di Ceglie Messapica.

Non hanno speso un euro per spiegare ai tantissimi turisti che stanno calpestando un suolo MESSAPICO! Non c’è nulla che possa raccontare loro la presenza di questa antica popolazione.

Qua sotto la foto datata 1990 relativa ad rinvenimento di antiche tombe in agro di Villa Castelli! Subito dopo i nostri cugini si attivarono. Il resto della storia nella prossima puntata sempre sul Diavoletto, il blog che secondo LORO, non ama la propria terra.