Ci sfottono pure!

 54ma Coppa Messapica

NICOLA GAFFURINI CAMPIONE!

Della Delio Gallina – Lombardia-

Ore 18,15. Il terzetto è stato ripreso. Il gruppo ormai è sgranato.

Ore 18,05. Ancora tre uomini in fuga tra Railenau e Fonzi. Il nostro Leonardo ha ceduto il passo ma è ancora in gara. L’evento strabiliante è la morìa di ciclisti. Se ne sono ritirati tantissimi. In gara ne sono rimasti una quarantina soltanto.

Ore 17.45. Tre uomini in fuga. Li insegue ad una manciata di metri solo soletto il nostro Leonardo Saponaro!

Il consigliere regionale del Pd, Giovanni Epifani, in una lettera indirizzata al governatore, chiede di poter incontrare l’amministrazione comunale di Ceglie Messapica per avviare un confronto sulla questione della struttura alternativa all’ospedale psichiatrico giudiziario (Opg) che dovrebbe sorgere all’interno dell’ex plesso ospedaliero di Ceglie, ospedale praticamente quasi chiuso a causa dei tagli alla sanità pugliese. Gli Opg sono strutture che a metà degli anni 70 hanno sostituito i vecchi manicomi criminali, qui vengono reclusi coloro che hanno commesso reati in stato di incapacità di intendere e volere, riconosciuti quindi infermi di mente. (Continua qui)

Riassunto delle puntate precedenti.

Pio e Amedeo per bocca di Ciro Argese dichiarano che sporgeranno querela intanto,

i gruppi Consiliari “Liberi e forti”, “Lista Magno”, “UdC” e “Ceglie prima di tutto”

diffondono questo comunicato stampa.

Le bugiarde affermazioni dei consiglieri comunali del Pdl e della Dc meritano una pronta risposta ed un approfondimento in Consiglio Comunale e nelle sedi opportune. Nei giorni scorsi si è sollevata una polemica priva di ogni fondamento e calunniosa sullo spettacolo del 6 Agosto tenuto dai comici Pio & Amedeo.

I consiglieri Gianfreda Giovanni, Ciracì Nicola, Gallone Giampietro, Gatti Fabrizio e D’Ippolito Danilo hanno sostenuto che lo spettacolo cegliese registrava un costo triplo rispetto allo spettacolo dei due comici tenuto a Biccari (Fg)  nella serata precedente. Tale affermazione veniva supportata da una determina di cui se ne pubblicava solo una parte.

La verità è un’altra!

Il Sindaco di Biccari (Fg), immediatamente interessato, ed i due comici hanno subito, nella giornata del 14 agosto, smentito tale circostanza ed anzi hanno espressamente confermato che il costo della serata cegliese è stato addirittura inferiore a quello del comune di Biccari. La stessa determina era stata riportata in parte dai consiglieri e non nella parte in cui parlava di acconto e di liquidazione parziale.

Delle due l’una: o non sanno leggere una determina o sono artatamente seminatori di bugie. E’ evidente l’animo diffamatore di tali affermazioni da parte di soggetti che evidentemente non hanno altro cui aggrapparsi e che non perdono occasione per offuscare l’immagine di Ceglie e dei Cegliesi.

Noi invitiamo i consiglieri comunali surriferiti anzitutto a chiedere scusa al duo comico che ama Ceglie ed ai cegliesi stessi per il danno all’immagine ricevuto dalla città. Riproviamo duramente il contenuto delle loro affermazioni soprattutto nella parte in cui lasciano intuire che ci sarebbe stato del marcio nella gestione di tale vicenda. Stiano tranquilli i consiglieri ed il loro capo: questa maggioranza vigila sui soldi pubblici e su ogni vicenda di debito e di credito. Capiamo bene che lo straordinario, memorabile e storico successo della Estate Cegliese 2013 che ha portato agli esercizi commerciali della città un’ingente quantità di incassi, ha potuto far perdere la ragione a qualcuno, perpetrando accuse ignobili.

Le bugie dei consiglieri citati e la straordinarietà del successo estivo ci confermano la bontà della scelta di alcuni mesi orsono: se fosse stato per Ciracì e company oggi ci sarebbe un commissario e di tutta quella gente solo una nostalgica attesa. Confermiamo la precisa volontà di continuare a mettere al centro del turismo regionale e nazionale la nostra Ceglie, organizzando anche un inverno di notevole spessore artistico e culturale.

Perdente nato

Per scansare una bici

Brutto incidente stamattina sulla Ceglie-Martina,

forse un tentativo di suicidio.

Tutti i particolari su “Cronachette”. Clicca qui.

Il Diavoletto è

“Politicamente scorretto

Non possiamo più parlare. Il politically correct ha trasformato le nostre conversazioni in parole sintetiche. Di plastica. Le ha svirilizzate. Parlare come si pensa è diventato uno scandalo. La morte è un dolce trapasso. Berlusconi è uno statista, non un evasore fiscale. Non si diventa vecchi rincoglioniti, ma anziani saggi. I lavori umili e socialmente utili sono scomparsi. Lo spazzino è un operatore ecologico. Non ci sono più ciechi e sordi, ma non vedenti e deboli di udito. Questa piaga ipocrita, questa mascherata sta travolgendo tutto e tutti.  (Continua qui).

.

Ed eccolo l’ardito fascistello che si diverte a buttare benzina sul fuoco. Il nostalgico dell’olio di ricino vissuto all’ombra della mascella voluttuosa sta sguazzando e godendo in questo clima torbido creato ad arte. Stanno provando a dividere la nostra comunità instaurando un clima da guerra civile. Ieri ho pubblicato un post in cui ho definito Pietro Stoppa un illuso. Chiunque abbia un po’ di senno si rende conto che il post non era assolutamente offensivo anzi. Per l’ardito anonimo fascistello si tratta di un post a difesa del gruppo Ciracì. P.S. Se andate a casa sua noterete che il ritratto del Duce è stato ricoperto momentaneamente con un lenzuolo in attesa di tempi migliori.

P.P.S. Per quanto riguarda invece la Coppa Messapica posso solo dirvi che è uno dei ricordi più belli della mia infanzia e sapere che esistono persone che s’impegnano per farla rivivere nei suoi fasti mi riempie di gioia.