Agosto cegliese

A proposito della bega relativa alla gastronomia cegliese faccio una premessa, i lavoratori del settore DEVONO ESSERE PAGATI: SEMPRE! Tutto il resto diventa secondario.

Ed ecco che scende in campo Brindisi Report con un editoriale di fuoco a firma di Pino De Luca dal titolo emblematico.

SE L’IMPORTANTE E’ FARE GIRARE I SOLDI

Il business del turismo gastronomico in Salento, ed in Terra di Brindisi in particolare, ha preso forma. Purtroppo lo sta facendo nel peggiore dei modi, arruffato nelle mani di alcuni carissimi amici che sanno molto di business e pochissimo di enogastronomia e, attraverso ogni via, perseguono la realizzazione di profitti impipandosene allegramente di regole, storia, territorio, tradizioni e cultura.

Esponenti di quella politica di seconda fila per i quali “l’importante è far girare il denaro”, aggrovigliati negli enti erogatori e con le giuste amicizie scambiano per capacità imprenditoriale una semplice attività di rapina e di impoverimento del territorio. Magari non lo fanno per cattiveria o per malignità, semplicemente appartengono alla categoria degli uomini-locusta, passano, divorano ogni cosa e desertificano. Continua a leggere cliccando qui.

La favola dell’Estate Cegliese.

.

Cicale o formiche?

A quanto sembra i nostri Amministratori vivono in un mondo fiabesco.

tra l’altro sembra che siano stati infettati dal virus del delirio di onnipotenza. La Giunta Tolemaica prosegue dritta verso il precipizio incurante dei numerosi appelli e segnali che gli giungono da tutte le parti. E va bene fate quel che volete, fate come la cicala della favola, spendete e spandete tanto, settembre poi verrà.

Leggiamo qualche comunicato.

Siamo stupiti nel vedere che l’Amministrazione Comunale abbia già pagato in maniera anticipata Euro 72.000,00 all’Associazione La Ghironda malgrado il Collegio dei revisori dei conti avesse invitato i responsabili dei servizi interessati e tutti i soggetti individuati dal vigente Regolamento sui Controlli Interni ad attivarsi per ottemperare a quanto di anomalo rilevato dallo stesso collegio.
Ci sembra strano tanta solerzia nei pagamenti anticipati per delibere e determine contestati mentre fornitori e imprese locali aspettano mesi per vedere liquidate le proprie spettanze.

Il Sindaco dice che “non c’è stato alcun ricorso all’aumento delle tasse..” nascondendo, come suo solito, ai cittadini la futura batosta TARES che è in arrivo nel mese di dicembre, anche per colpa di quei servizi aggiuntivi di 100.000,00 Euro affidati alla ditta che gestisce il servizio di raccolta rifiuti. Inoltre, nasconde l’ aumento delle aliquote IMU necessario per coprire le pazze spese fatte per questa estate che nonostante superino i 300.000,00 euro hanno portato ad un calo drammatico delle presenze turistiche con ripercussione fisiologica sulle strutture ricettive.
Simbolo della decadenza di Ceglie di questa estate è la sporcizia della piazza e del centro storico ed in particolare gli odori nauseabondi che da settimane escono dalle griglie del sistema fognario senza che nessuno vi abbia posto rimedio.
Inoltre, malgrado i 100.000,00 euro extra-contratto dati alla ditta appaltatrice della nettezza urbana non si è provveduto nemmeno alla raccolta notturna dei rifiuti presso i locali cegliesi, come avveniva negli anni scorsi, creando disagio e causando sporcizia e deposito di buste nelle principali vie cittadini.
Un dato è certo: oramai il Comune di Ceglie è una nave alla deriva senza guida e con a bordo solo dilettanti allo sbaraglio che purtroppo stanno causando seri danni alle casse Firmato: I capogruppo consigliari PdL-DC, Gianfreda Giovanni, Gatti Fabrizio.

Ecco a cosa si riferiscono, clicca qui

COMUNICATO STAMPA

In merito al comunicato stampa del Consorzio turistico Apulia è opportuno precisare che questa Amministrazione comunale è stata sempre disponibile ed ha sempre sostenuto i ristoratori cegliesi, che hanno portato Ceglie ad essere capitale della gastronomia. Basta solo, per esempio, citare la Med School, che tanto successo stà riscuotendo, diretta dalla nostra apprezzata concittadina Antonella Ricci e coadiuvata dagli ottimi schef, sempre cegliesi, Gianni Bellanova, Tiziano Mita, Antimo Savese Vinod Sokar. Per il Ceglie Food festival, è opportuno puntualizzare, inoltre, che si è riusciti ad ottenere un finanziamento comunitario di €.70000,00 , senza spese a carico della comunità cegliese, e che il bando è stato fatto per tempo. E’ stata nominata una commissione di gara, come per legge, presieduta dal RUP (responsabile unico del procedimento) dott. Giuseppe Amico, che ha stabilito AUTONOMAMENTE di aggiudicare la gara .L’amministrazione comunale non poteva e non doveva intervenire nel giudizio della commissione di gara né può intervenire sull’organizzazione dell’evento. Da quanto ci risulta, però, sono stati coinvolti chef cegliesi, che non hanno aderito, per ovvi motivi, ad altri progetti presentati. Evidentemente qualcuno pensa che le gare si possano “pilotare”, ma questa Amministrazione comunale è totalmente estranea a questo modo di fare e a queste logiche. Un consorzio turistico non dovrebbe prendere posizioni politiche, ma pensare al bene della comunità chiunque vinca le gare. E’ questo che lascia veramente perplessi!

Per la questione del ricorso presentato è stato il Tar Lecce stesso a non ravvisare motivi tali da concedere la sospensiva. Cosa poteva fare un’Amministrazione comunale che opera secondo le normative vigenti? Per quanto riguarda la consegna di documenti, bisogna ancora puntualizzare che il Sindaco con nota protocollata ha disposto la immediata consegna dei documenti, in quanto è interesse dell’Amministrazione stessa quello di fare chiarezza sulle procedure messe in atto dalla commissione di gara e da tutte le commissioni di gara per qualsiasi affidamento. Sicuramente la proposta presentata dal Consorzio era valida, non dubitiamo, ma non era l’Amministrazione Comunale a giudicare le proposte ma, ripetiamo, la commissione di gara. Questo chi è a capo di un consorzio così importante dovrebbe saperlo.

I gruppi consiliari di maggioranza: Ceglie prima di tutto,Liberi e forti,Lista Magno,Udc,