L’ombelico del mondo

Ore 16,15 RAPINA ALLA POSTA CENTRALE

A CEGLIE MESSAPICA. ERANO IN DUE.

Tutti i particolari da Stefano Menga. Clicca qui

I due soggetti qui rappresentati non c’entrano nulla. Hanno solo posato per Diane Arbus.

Si è concluso questa mattina il meeting di lancio del progetto internazionale IN.C.O.ME.–“International Centre of Mediterranean Gastronomy”, che vede coinvolti il Comune di Ceglie e di Carovigno con il Comune di Metsovo e NEA, l’Agenzia di sviluppo della Grecia Occidentale, in una serie di attività volte a valorizzare i prodotti gastronomici tipici locali, la diffusione di una agricoltura multifunzionale, il sostegno ad un turismo che punti sulla gastronomia del territorio quale risorsa culturale da utilizzare come vantaggio competitivo nel mercato globale.  Il Progetto è finanziato con un budget di 1.339.500,00 nell’ambito del Programma di Cooperazione Territoriale Europea Grecia-Italia 2007-2013.
Il sindaco Caroli ha aperto i lavori ringraziando il vice sindaco di Metsovo, Mr Pappaggelis e Kostas Giotopoulos Direttore dell’Agenzia NEA per essere intervenuti, insieme all’arch. Sacchi, dirigente del Comune di Carovigno.
“Ci riempie di gioia poter avviare finalmente il progetto IN.CO.ME”, ha introdotto il Sindaco, sottolineando il ruolo cruciale che il progetto intende rivestire nel supportare il settore su cui la città di Ceglie vanta una riconosciuta ed apprezzata tradizione, ovvero quello della gastronomia di eccellenza. “Ancora una volta puntiamo sulla gastronomia come risorsa di punta per il turismo sempre più in crescita sul nostro territorio cercando di trasformare la necessaria formazione dei giovani dei territori coinvolti in un elemento di eccellenza”.
I partner greci, intervenuti al Kick off meeting, hanno evidenziato come la cooperazione tra i territori coinvolti possa rappresentare un’importante opportunità di sviluppo che, andando oltreIN.C.O.ME., possa accrescere e rafforzare i momenti di scambio anche ampliando gli ambiti di intervento.

Viviamo nella Terra di Mezzo ovvero, in un piccolo paradiso terrestre e noi cosa facciamo? Ci piangiamo addosso e permettiamo a questi predatori venuti da chissà dove di toglierci anche la dignità. Che senso ha una centrale a carbone qui da noi? E per trasportare il carbone dal nord Europa non dobbiamo utilizzare le navi e quindi consumare petrolio? Una valle dei trulli incantevole qual’è la valle d’Itria è unica. Non esiste niente di simile al mondo. Possibile che non ce ne accorgiamo? Pensiamo ad esempio alla Madonna della Grotta. Dobbiamo aspettare che crolli? Bestemmio se grido ai quattro venti che

LA MADONNA DELLA GROTTA

E’ PATRIMONIO DELL’UMANITA’?

A Ceglie una cripta contesa e la chiesa sta sprofondando

Chi è Alan Christopher Chin? Clicca qui

 

Il flop della Dieta Mediterranea Ostunese

Ci racconta tutto Pino Santoro sul suo blog

vai a trovarlo clicca qui l’articolo è invece questo

Avrei voluto parlarvi anche di questo…

però oggi è rimasto poco spazio