La festa è finita!

Adesso non c’è più motivo di ridere e di scherzare.  Si torna alla realtà, alla dura quotidianità. Per la prima volta dal 1959 siamo entrati in deflazione, il PIL è sotto dello 0,2%, la disoccupazione è al 12,6%, quella giovanile non ne parliamo proprio. Stamattina si riunisce il Consiglio Comunale. Stefano Menga effettuerà gratuitamente le riprese e ce le propinerà, Francesco Monaco intanto ha preparato il terreno spiegandoci gli argomenti all’ordine del giorno.

SupercIUC, IMU, TASI, Addizionale IRPEF

e chi più ne ha più ne metta.

Oggi parleranno di tasse comunali.

Se si permettono di proporre anche un minimo aumento,

ve lo giuro passeranno sul mio corpo.

Carotax

 

Interpretazione autentica.

Non state lì a lambiccarvi il cervello, non date retta all’informazione uffuciale, nè tantomeno alla disinformazione dei blog. Scopellitti è stato condannato dalla Giustizia Italiana ed accolto a braccia aperte dal Gotha amministrativo di Ceglie Messapica con tanto di foto di gruppo senza vergogna? Quisquiglie!

Scopellitti è innocente, ho letto le carte!

Lo ha gridato ad alta voce l’Argesiano pentito ovvero il Consigliere Domenico Convertino, il volto emergente dell’NCD di Ceglie Messapica. La prossima volta prima di pubblicare qualcosa chiederò a lui se sto interpretando bene i documenti che pubblico, non si sa mai.

P.S. Caro Domenico, ma tutti quelli che difendi a spada tratta sono dei voltagabbana come Scopellitti? Che fai, li scegli col lanternino? Leggi un po’ qui… :Scopellitti prepara il suo ritorno con Forza Italia.

Visto

Nuvole e mulini a vento.

La notizia che riporto qua sotto si presta ad un fotomontaggio ad effetto.

Però non mi va d’infierire. Immaginatevelo!

Nuvola – Consorzio cooperative sociali- e Ommi cooperativa sociale, dovranno sospendere dal 1° novembre l’affidamento delle loro prestazioni di servizi ottenute dal Comune di Ceglie Messapica. Così ha deciso il Consiglio di Stato. Inoltre, sia i due consorzi che il Comune di Ceglie Messapica dovranno rimborsare alla cooperativa Kalia (appellante) le spese processuali del doppio grado di giudizio. Domani pubblicherò il dispositivo.

Oltre a Cegliestate 2014 anche le cause perse saranno pagate

#coisoldinostri ?

Nuvole e mulini a vento.

Nuvola – Consorzio cooperative sociali- e Ommi cooperativa sociale, dovranno sospendere dal 1° novembre l’affidamento delle loro prestazioni di servizi ottenute dal Comune di Ceglie Messapica. Così ha deciso il Consiglio di Stato. Inoltre sia i due consorzi che il Comune di Ceglie Messapica dovranno rimborsare alla cooperativa Kalia (appellante) le spese processuali del doppio grado di giudizio.

Oltre a Cegliestate 2014 anche le cause perse saranno pagate

#coisoldinostri ?

Ne carne, ne pesce.

Propaganda.

Ore dieci, più o meno di questa mattina. Ero in macchina ed ascoltavo Radio24. Una vocina estasiata raccontava la sua incredibile esperienza di scrittrice. Aveva visitato Ostuni. La scrittrice diceva che non osava andare per la seconda volta in quella spiaggia magica per non violarne la sacralità. La spiaggia era Torre Guaceto, la scrittrice Maria Paola Colombo. Torre Guaceto non è in agro di Ostuni bensì in territorio di Carovigno e Brindisi.

La propaganda però fa molto e quindi tutto l’Adriatico a nord di Brindisi è terra d’Ostuni come pure l’entroterra. Ah, se i nostri Amministratori avessero dato qualche euro in meno ai cantanti e affidato la nostra immagine a una società di marketing…

Clicca qui per ascoltare la puntata su Ostuni.

Ostuni

Il non-anfiteatro.

Ma che cos’è quel “coso” che stanno realizzando sotto il Monterrone a Ceglie Messapica? Abbiamo capito che non è un anfiteatro e di questo mio fraintendimento ho chiesto pubblicamente scusa. Non è un intervento mirato al recupero archeologico delle mura messapiche, non è una sistemazione dell’area ai fini dell’attenuamento dell’impatto ambientale provocato dal Palazzaccio del Comune. Allora cos’è? Dov’è lo spunto, l’intuizione, la genialità del grande architetto Mario Cucinella? A me sembra un intervento gestito da ragazzini alle prime armi, nel gergo tecnico-professionale definiti “schiavetti”. Sarebbe necessario un confronto tra la cittadinanza ed il progettista verso il quale nutro grande stima.

Ed intanto le mie “scuse” sono state esposte in bella vista all’ingresso dell’Ufficio Tecnico Comunale.

Per quel che mi riguarda autorizzo la pubblicazione delle mie “scuse” anche sui vostri organi di stampa. Sarei contentissimo se fossi menzionato sulle colonne de Il Messapo il periodico diretto da Antonello Laveneziana distribuito in oltre CINQUEMILA COPIE!

DSCN6689

 

 

Strani fregi!

La facciata inferiore est del Castello Ducale di Ceglie Messapica. Volevo fotografarla da un punto di vista insolito. Nel riguardare poi l’immagine ho notato dei conci di pietra lavorata con dei fregi ornamentali scolpiti, li ho evidenziati in rosso. I conci sono di dimensione anomala rispetto alle altre pietre che compongono il prospetto e non hanno alcuna funzione decorativa.

Mi domando e dico: chi ha edificato il castello potrebbe avere utilizzato le pietre di qualche antico palazzo messapico?

Ma esiste qualche storico in questo paese?

Fregi

Ricevo e pubblico ben volentieri.

Comunicato stampa

L’Amministrazione  Comunale di Ceglie Messapica del sindaco Caroli, sostenuta dalla  maggioranza  del Nuovo Centro Destra, continua a sfornare incarichi professionali esterni all’ente senza le necessarie motivazioni e  necessità.

 Caroli preferisce tenere “ parcheggiato ”  il personale e i tecnici comunali invece di  utilizzare al meglio  le loro professionalità e capacità.

Con tre distinte Determine dell’Area Lavori Pubblici (587-596-598 agosto 2014 ) sono stati conferiti incarichi a professionisti esterni all’ente senza aver preliminarmente accertata ( se non in maniera generica) l’impossibilità di utilizzare risorse umane interne.

La possibilità di  poter utilizzare il personale interno del Comune di Ceglie  per la realizzazione di  quei progetti e  servizi è , a mio  avviso, fin troppo  evidente.

Diventa difficile, se non impossibile, poter  giustificare l’affidamento di  incarichi professionali a tecnici esterni all’ente senza tener presente, ad esempio, che l’ing. Claudio Cavallo, che fino al 30 luglio era responsabile di Area, dopo la  revoca da quelle responsabilità, non viene utilizzato per  servizi di progetti e altre incombenze  tecniche come quelle richieste con i tre atti amministrativi.

Questo modo di amministrare la città determina una situazione contraria ai più elementari principi di corretto uso della spesa di un ente locale e  l’umiliazione  delle professionalità interne all’ente.

Con una  specifica Interrogazione al Sindaco di Ceglie , inviata come Informativa alla Corte dei Conti e al Dipartimento della Funzione Pubblica,  ho chiesto l’immediato annullamento delle tre Determine  di affidamento  di questi ulteriori  incarichi a professionisti  esterni all’ente.

Tommaso Argentiero, Consigliere Comunale Ceglie Messapica  “Noi con Federico

  Si, avrei dovuto collegarmi a facebook.

Un commentatore anonimo (ma a me noto) mi inviava la copia di una discussione nata su librofaccia dalla quale ne uscivo abbastanza ridicolizzato. Conseguentemente rispondevo restituendo pan per focaccia. Purtroppo il commentatore anonimo aveva modificato il testo della discussione modificandolo nella sua seconda parte. E’ vero che il senso era lo stesso però il tutto era abbastanza velato e comunque sarcastico ma non assolutamente offensivo. La prossima volta prima di commentare andrò a leggermi quello che si scrive veramente. Succede.

 

Se continua così, lo fanno Presidente della Repubblica.

Si è rivelata davvero un boomerang l’azione denigratoria e di annientamento politico perpetrata da Luigi Caroli  Sindaco di Ceglie Messapica e dai componenti della sua Giunta nei confronti dell’On. Nicola Ciracì, basta vedere questo video per capire che lo hanno rafforzato in una maniera incredibile ottenendo quindi l’esatto effetto contrario! E’ ritornato ad essere Presidente del Consiglio (Comunale) è Presidente del Conservatorio Tito Schipa di Lecce, è diventato Deputato della Repubblica Italiana e a quanto sembra gode di una certa stima all’interno del suo Partito.

Per quanto mi riguarda, sono lontano anni luce dalle posizioni politiche di Ciracì però ritengo che questa brutta pagina di politica locale ha di fatto danneggiato e tarpato le ali all’intera comunità. Potevamo sfruttare a nostro favore la centralità del Conservatorio Musicale, le enormi potenzialità della Scuola di Gastronomia collegata all’Istituto Alberghiero nonchè  l’unicità di un Centro Risvegli (una delle strutture più grandi d’Italia) ed invece stiamo ancora a lottare per far aprire qualche misera stanzetta dell’ospedale. Poveri noi, com’è misera la vita negli abusi di potere… minima immoralia!

 

 

Piazze da incubo!

In piazza Plebiscito non erano diecimila; senza di me erano in 9.999 anzi, 9998 (mancava anche Francesco Monaco di Tribuna Libera). Non ce la facevo più, la piazza di Ceglie di qua, la piazza di Ceglie di là. Migliaia e migliaia di persone in pellegrinaggio per adorare questa Cegliestate 2014 #coisoldinostri e chi si permette di dissentire è un disfattista! Avevo voglia di disintossicarmi un po’ e per questo ora sono lontano tremila km e sto vedendo e confrontando altre piazze.

AIUTO!!! CAROLI E’ PURE QUI.

In Spagna gli hanno dedicato una piazza!

Ceglie trasgressiva.

A Ceglie Messapica è scoppiata la moda turistica del sesso nel borgo. Del resto non poteva esserci location migliore considerato che qui esiste il club di scambio coppie più grande del sud Italia.

L’episodio in esclusiva sul mitico “Cronache e cronachette” di Stefano Menga.

L’altra sera verso le ore 21:30, in una stradina del centro storico di Ceglie Messapica, una coppia di stranieri si è denudata ed ha cominciato a fare sesso sul cofano di una Fiat Uno parcheggiata in zona. In un primo momento i residenti, sentendo gemiti, sospiri e urla di piacere, si sono avvicinati alla coppia e, per loro stupore, si sono trovati di fronte ad  una scena imbarazzante, una coppia che faceva sesso in strada. La coppia in questione, incurante dei numerosi passanti che stavano transitando nella stradina, hanno continuato il loro amplesso (…)   (continua a leggere qui).

Tragressione